Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sapete qual è la patrona delle vittime di abusi infantili e bullismo?

Condividi

Una giovane francese deforme e maltrattata dalla sua famiglia

Chi non crede dirà che Santa Germana Cousin è stata un’adolescente triste e infelice per via della sua vita caratterizzata da sofferenze costanti, ma chi ha fede confermerà che questa santa è stata una grande testimone della crocifissione e resurrezione di Cristo.

Germana nacque nel 1579 a Frouzins, un piccolo villaggio vicino a Tolosa (Francia), in una famiglia modesta.

Aveva una deformazione congenita al braccio destro e una costituzione debole per via della scarsa alimentazione. Quando era molto piccola si ammalò di scrofolosi, una malattia che le lasciò il volto sfigurato per tutta la vita.

Rimase orfana di madre poco dopo la nascita, e il padre si risposò con una donna che si prendeva ben poca cura di lei. Tutti provavano vergogna per il suo aspetto, e la mandavano a pascolare le pecore e a dormire con loro nella stalla.

Si nutriva di pane e acqua e curava con dedizione il suo gregge, attività che abbandonava solo per andare a Messa. Quando lasciava solo il gregge, chiedeva a Dio di vegliare su di esso. Tutti gli abitanti del paese si chiedevano com’era possibile che nessuno dei suoi animali si fosse mai perso o fosse stato attaccato dai lupi.

Per arrivare in chiesa doveva attraversare un piccolo fiume. Un giorno questo era straripato, e i contadini videro aprirsi le acque e Germana che lo attraversava senza bagnarsi minimamente i vestiti.

Nella solitudine campestre trovò Dio. All’ora dell’Angelus, Germana si inginocchiava per pregare, anche nella neve o nel fango. Pregava sempre per la matrigna e i fratellastri, anche se non facevano altro che maltrattarla.

Trovava anche il tempo per insegnare il catechismo ai bambini poveri, analfabeti e affamati, all’ombra di un albero.

Una volta prese da casa un po’ di pane e lo mise nel grembiule per darlo poi a quei bambini. La matrigna, sospettosa, la seguì con un bastone per picchiarla. Quando Germana aprì il grembiule caddero dei bellissimi fiori, anche se era pieno inverno. Disse quindi alla matrigna: “Per favore, madre, accetta questi fiori. Dio te li manda come segno del suo perdono”.

messe.forumactif.org-Public domain

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.