Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Anche se prendi una decisione sbagliata, Dio sarà lì per te

DOVES

Helena Mulkerns | UN Photo | Flickr CC BY-NC-ND 2.0

padre Carlos Padilla - pubblicato il 29/01/20

Qual è la strada corretta, la decisione giusta? In ogni momento, in ogni situazione, posso vivere amando, servendo

Ho imparato a percorrere molti cammini. Mi sono sbagliato spesso senza desiderarlo, credendo di essere nel giusto. Ho cercato segnali nascosti per sapere se andavo nella direzione esatta.

Ho scoperto luci e ombre che mostravano mille cammini possibili. Ho sempre voluto scegliere ciò che è valido, accettato da tutti, quello che gli altri volevano per me, pensando che se avessi azzeccato e gli altri fossero stati contenti di me tutto sarebbe stato più facile.

Ma chi decide qual è il cammino corretto? Sarà la pace il segno che Dio mi dà per sapere se ho fatto la scelta giusta?

Sono stato capace di prendere una decisione e poi quella contraria, e in entrambi i casi ho creduto che fosse quello che Dio mi chiedeva. È possibile? La cosa più certa è che sia Dio che segue me, non io Lui.

Ho bisogno che sia Lui ad abbracciarmi e a sostenermi quando mi mancano le sue forze, il suo sostegno, il suo incoraggiamnto. Può essere che così importi meno scegliere ogni volta la cosa giusta.

Posso arrivare a smentire quello che ho detto in precedenza. Non so più se devo essere coerente in tutto ciò che ho detto, scritto, fatto, camminato, scalato, nuotato.

Posso avere incoerenze e inconsistenze proprie di questa vita limitata che possiedo. Mi sembra impossibile mantenere per tanti anni la coerenza assoluta, la logica imperturbabile di tutte le mie azioni, i miei giudizi e le mie parole.

Inizio a dubitare anche di me stesso quando voglio accontentare tutti credendo che così sarò più felice. Credo di avere almeno qualcosa di chiaro tra tanti dubbi.

Conosco quel volto che mi ha guardato lungo il cammino. Ho sentito più di una volta il suo respiro dietro le spalle, e quel suo abbraccio pieno di misericordia che mi sostiene ogni volta che tremo e cado.

Per questo ho deciso di guardare chi mi sta accanto paragonandomi. Mi fa male, non mi permette di essere felice. Ho deciso di non vivere ancorato agli errori commessi. Affondando nella ferita che fa tanto male, piangendo malinconico sul latte versato.

Ho deciso di non giudicare tanto duramente le decisioni altrui, e nemmeno le mie. Anche quando penso che ci sia stata precipitazione o che quello che è stato deciso mi abbia fatto soffrire.

Ho deciso di aprire la persiana della mia anima ogni mattina per aprirmi a un nuovo giorno con speranza rinnovata, lasciando entrare il sole.

Ho deciso di non vivere mettendo continuamente in discussione i miei stati d’animo. Non importa se non sorrido sempre, se non sono felice in ogni momento. O taccio senza parlare di nulla. Ogni giorno ha la sua pena, la sua preoccupazione, la sua paura.

Ho deciso di non smettere di lottare pensando che arrivare alla vetta sia impossibile. Ho deciso di smettere di fare calcoli e di non pensare dove dovrei essere domani, dopodomani o l’anno prossimo.

La vita è lunga e fa molti giri. E non voglio avere chiari tutti i passi che devo ancora compiere. Ho deciso di rallegrarmi per la gioia di mio fratello. Senza provare invidia, gelosia, senza voler possedere quello che ora ha lui. Perché desiderare i beni altrui non ha senso.

Ho deciso di piangere con chi piange. Perché non può essere che smetta di vedere il suo dolore mentre mi vive accanto. È inammissibile che viva la mia vita talmente concentrato su di me da non riuscire a vedere cosa mi passa accanto, cosa succede nel cuore dell’altro.

Ho deciso di uscire da me stesso, di andare incontro al prossimo e di rischiare la vita, senza temere di perderla.

Ho deciso di ringraziare Dio per tutto quello che ho. Che sia buono o cattivo, poco importa. La gratitudine, la lode, mi riempie l’anima e mi rende una persona migliore.

Ricordo le parole di un messicano molto noto all’università di Monterrey, David Noel, che da anziano viveva ancora con passione:

“Bisogna morire vivendo. Aiutando gli altri. Bisogna continuare a fare quello che ci appassiona. Anche se ora l’intensità sta scemando”.

Voglio vivere così, ora e quando sarò più anziano. Nel presente che accarezzo. Nel futuro che temo. In ogni momento vivere amando, servendo, facendo quello che mi dà vita.

Ho deciso di non smettere di amare un solo momento. Di non vivere con la paura di quello che può succedermi. Di non temere di essere giudicato per quello che dico, faccio o vivo.

Di non vivere volendo che tutti mi applaudano. È impossibile, ed esaurisce. Qualunque cosa facciamo, ci sarà sempre qualcuno a cui sembrerà sbagliata. Perché tanto sforzo?

Renderò conto solo davanti a Dio alla fine dei miei giorni. Non ci sarà una giuria popolare a condannare le mie azioni. Guardo solo a Dio ogni mattina, ogni sera. E sono tranquillo.

E sorrido a Dio perché mi ha sorriso. E lo abbraccio ferito, commosso, allegro, perché mi ha salvato. Vivo morendo. Muoio vivendo. E continuo ad amare ogni passo del cammino.

Tags:
decisionidioerrori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni