Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconSpiritualità
line break icon

Come iniziare e concludere ogni giornata secondo Sant’Antonio abate

SAINT ANTHONY OF EGYPT

Dobroš | CC BY-SA 4.0

Philip Kosloski - pubblicato il 17/01/20

Il monaco del IV secolo insegnava ai suoi discepoli a tenere sempre a mente l'eternità, riflettendovi al mattino e alla sera

Sant’Antonio abate era un santo monaco del IV secolo spesso considerato il padre del monachesimo. È stato tra i primi a dedicare tutta la sua vita alla preghiera e al digiuno nel deserto d’Egitto.

Una disciplina spirituale che insegnò ai suoi monaci consisteva nell’iniziare e terminare ogni giornata con un promemoria della loro mortalità. Ciò significava incoraggiarli nella pratica della virtù, visto che non sapevano quando sarebbero morti. Padre Alban Butler ha scritto di questo insegnamento di Sant’Antonio nel suo libro Lives of the Fathers, Martyrs, and Other Principal Saints.

Il santo insegnava ai suoi discepoli a tenere sempre a mente l’eternità, a riflettere ogni mattina sul fatto che forse non sarebbero rimasti in vita fino alla sera e ogni sera perché avrebbero potuto non vedere più il mattino, e a svolgere qualsiasi azione come se fosse l’ultima della loro vita, con tutto il fervore dell’anima per fare cosa gradita a Dio.




Leggi anche:
Come Sant’Antonio Abate sconfisse il demonio

Spesso siamo pigri quando si tratta di essere brave persone. Potremmo dirci “Sarò migliore… domani!”, ma come sappiamo che vivremo un altro giorno?

Santa Teresa di Calcutta ha scritto ne Il Cammino Semplice che “le persone muoiono all’improvviso continuamente, e quindi potrebbe accadere anche a noi in qualunque momento. Ieri è passato e domani non è ancora arrivato; dobbiamo vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, di modo che quando Dio ci chiamerà saremo pronti, e preparati, a morire con un cuore pulito”.

L’unico momento che abbiamo è quello presente, ed è in questo che possiamo diventare santi. Ricordiamolo, e iniziamo e terminiamo ogni giornata tenendo a mente questo semplice fatto.

Tags:
sant'antonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni