Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come Sant’Antonio Abate sconfisse il demonio

Condividi

Viveva in solitudine nel deserto ma non era solo

Sant’Antonio Abate (a volte chiamato anche Sant’Antonio d’Egitto o Sant’Antonio il Grande) venne ispirato dai Vangeli a vendere tutto ciò che possedeva e a condurre una vita di solitudine nel deserto egiziano. Scelse un tranquillo eremo lontano dal mondo, ma non riuscì a fuggire completamente dal suo nemico più insistente.

Il diavolo, sapendo che Antonio era un uomo molto santo e vicino a Dio, fece di tutto per osteggiarlo. Se non riusciva ad allontanarlo da Dio attraverso le ricchezze mondane cercava di attaccarlo sia fisicamente che spiritualmente. Sant’Atanasio ricorda vari di questi episodi nella sua Vita di Sant’Antonio.

Dopo aver fallito nel tentarlo con la lusinga della ricchezza, il diavolo assalì il giovane “turbandolo di notte, molestandolo di giorno al punto che quelli che lo vedevano si accorgevano della lotta che si combatteva tra i due”. Dopo ogni tentazione, tuttavia, Antonio “dava forza al suo corpo mediante la fede e i digiuni”.

Frustrato, il diavolo cercò di affrontare Antonio assumendo le sembianze di un ragazzo e conversando con lui. Antonio replicò: “Grande disprezzo ti meriti; sei nero nell’animo e debole come un ragazzo. Non ho più motivo di preoccuparmi per te. Il Signore è il mio aiuto e io disprezzerò i miei nemici”.

Per un po’ il diavolo lo lasciò in pace, ma poi tornò a metterlo alla prova, questa volta con una moltitudine di demoni. Il diavolo colpiva Antonio fisicamente, sperando che per paura tornasse al suo stile di vita precedente, ma lui rimaneva saldo nella fede e disse al diavolo: “Eccomi qui, sono Antonio; non fuggo ai vostri colpi. Anche se me ne darete di più, niente mi separerà dall’amore di Cristo… Anche se un’armata si accamperà contro di me il mio cuore non avrà timore”.

Dopo ogni incontro Antonio era rafforzato nella sua fede, e Dio andava in suo aiuto. Quando insegnava ai suoi tanti discepoli, Antonio diceva loro come sconfiggere i demoni: “Segnatevi con il segno di croce e partite fiduciosi. Lasciate che costoro si prendano gioco di se stessi”; “Non dobbiamo temere le loro insidie; le preghiere, i digiuni, la fede nel Signore li fanno subito cadere”.

Qualsiasi tentazione possiamo affrontare, Antonio ci insegna che la fede, la preghiera, il digiuno e il segno della croce bastano a sconfiggere il Maligno. Il diavolo può sembrare potente, ma i santi provano che non lo è, e che non è una minaccia per chi ripone la propria fiducia in Dio.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.