Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La città delle 300 chiese

PUEBLA MEXICO
Gianfranco Vivi | Shutterstock
Condividi

Molte leggende dicono che gli angeli aiutarono a costruire la città messicana di Puebla, e che perfino la grande campana in cima alla cattedrale sia stata posta lì da loro

C’è un luogo in Messico che si crede abbia una chiesa per ogni giorno dell’anno. Questa convinzione è nata nel XVI secolo, quando i conquistadores spagnoli iniziarono a costruire molte cappelle nella cittadina oggi nota come Puebla – così tante che si pensava ce ne fosse una per ogni giorno. Ancora oggi la gente dice che in città ci sono tante chiese cattoliche quanti sono i giorni dell’anno.

Ufficialmente a Puebla ci sono 288 parrocchie, non esattamente una per giorno, ma per un territorio di poco più di 200.000 chilometri quadrati è comunque un buon numero. È importante notare che questa cifra non include cappelle, santuari minori e oratori. Se se ne tenesse conto, potrebbe esserci un luogo di adorazione per ogni giorno dell’anno? Forse sì, ma ciò che conta è il fatto che camminare per le strade di questa città coloniale è una vera esperienza spirituale.

La città di Puebla è una di quelle con la maggiore eredità religiosa del Paese, e l’elevato numero di chiese è solo una piccola parte di questa storia. Uno dei fondatori della città è stato il vescovo di Tlaxcala, Julián Garcés, che nel 1530 scrisse una lettera alla regina di Spagna sostenendo la necessità di fondare una città tra Città del Messico e Veracruz in cui gli spagnoli cattolici potessero trovare una casa.

In base alla leggenda relativa alla fondazione della città, Garcés sognò che un gruppo di angeli scendeva dal Cielo per tracciare i confini della città. Insieme ad alcuni frati francescani, decise poi di fondare la città che aveva sognato in una valle. Quando la trovarono, a pochi chilometri dal monastero, venne fondata la città di Puebla. In origine era chiamata Puebla de los Ángeles (Puebla degli Angeli); il nome è stato poi cambiato in Puebla de Zaragoza, ma è ancora nota comunemente come Città degli Angeli, o Angelópolis. Ci sono varie leggende sulla presenza degli angeli durante la fondazione e la costruzione della città, e una delle più famose dice che gli angeli posero una grande campana in cima alla cattedrale.

La città degli angeli, degli artisti e dei buongustai

Oltre alle chiese, ci sono molte cose da scoprire in questa città situata nello Stato omonimo del Messico centro-orientale. Puebla, che ha una popolazione di più di un milione e mezzo di abitanti, è incastonata tra montagne e vulcani. Da ogni angolo si possono ammirare due dei vulcani più importanti del Paese, l’Iztaccíhuatl – noto comunemente come la donna che dorme – e il Popocatépetl, uno dei vulcani più attivi del Messico.

Importante è anche la gastronomia. La tradizione gastronomica di Puebla è una delle più amate del Paese e prevede sia dolci che piatti salati.

Per chi è interessato alla cultura, c’è un grande museo dedicato all’arte barocca, e un quartiere in cui gli artisti mostrano le loro opere in una strada fino a tarda sera.

Anche l’artigianato è molto importante in questa città, soprattutto le ceramiche blu e bianche chiamate talavera, presenti in mercati e negozi. Chi ha un’anima avventurosa può salire sul vulcano Iztaccíhuatl mentre si sente raccontare la leggenda che racconta la storia di una principessa addormentata.

Anche la città vicina, San Pedro de Cholula, ha molte chiese, ed è considerata una delle più importanti destinazioni religiose del continente per la profonda fede della popolazione, le sue tradizioni e le sue cerimonie.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni