Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Marzo |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

7 suggerimenti per chi non vuole allevare figli consumisti

SHOPPING

Jag_cz - Shutterstock

Sempre Família - pubblicato il 18/12/19

Uno dei primi passi è insegnare ai bambini il valore del denaro

In televisione e su Internet, i piccoli vengono bombardati di annuncia tentatori per la loro età: bambole, passeggini, giochi elettronici…

Anche nei centri commerciali e nei supermercati, la logica del marketing cerca di sedurre i più piccoli. Molti non riescono a resistere. Risultato: capricci e altri capricci perché i genitori comprino l’oggetto dei loro desideri, che sembra essere lì a portata di mano.

Cosa devono fare i genitori in quel momento? Comprare tutto quello che chiedono i figli? Insegnare loro il valore del denaro e che non possono aver tutto ciò che desiderano?

La loro decisione in quel momento sarà cruciale per formare una personalità consumistica o più conservatrice nei bambini.

Per chi non vuole un adulto consumista in casa, il sito Sempre Família ha sottolineato sette attggiamenti che come padre o madre bisogna adottare con i bambini prima che sia troppo tardi. Eccoli:

1 Imparate a dire di no

I bambini devono capire che non possono avere tutto ciò che desiderano. Purtroppo, molte famiglie credono che cedere ai desideri di bambini sia una prova d’amore. Il senso di colpa per il fatto di non avere il tempo per stare con i bambini può portare i genitori ad avere difficoltà a non acconsentire a una richiesta, ma ricordatevi che dire di no è fondamentale per allevare i figli con disciplina, carattere e discernimento.

2 Date tempo al tempo

Non accelerate le fasi della vita. I bambini devono essere trattati com tali. Anche se vostro figlio li chiede, non comprate prodotti che possano incentivarlo ad agire come se fosse una persona più grande. È una trappola, e può portare a conseguenze gravi per il futuro di vostro figlio.

3 Mostrate che il denaro non cade dal cielo

Insegnate il valore del denaro. Quando il bambino impara che ogni prodotto annunciato ha un prezzo e che il denaro per comprarlo dev’essere guadagnato attraverso il lavoro e l’economia, capisce meglio i “no” ricevuti.

4 Donate quello che non usate più

Comprate solo le cose necessarie. Perché tenere scatole con centinaia di giocattoli che il bambino non usa nemmeno? Lo stesso vale per vestiti e scarpe. Una buona idea è fare una pulizia periodica dei giochi e degli abiti e donare quello che non si usa più.

5 Investite del tempo in famiglia

Valorizzate i momenti in famiglia. Passeggiate nei parchi o giochi da tavola con la partecipazione del padre e della madre aiutano il bambino a sviluppare la creatività e a rafforzare i legami familiari. In questo modo, vostro figlio comprenderà che il valore più prezioso è nelle persone e non nelle cose.

6 Orientate e insegnate

Quando guardate la televisione, seguite le pubblicità insieme a vostro figlio. Potete anche approfittare di una visita al mercato o di una passeggiata per fare shopping per parlare delle abitudini di consumo. Visto che i bambini non riescono ancora a percepire la forza persuasiva delle pubblicità e delle vetrine, l’orientamento di un adulto può aiutarlo a vedere questi messaggi in modo più critico.

7 Attenzione a televisione e cellulare

Limitate il tempo di esposizione alla televisione e al cellulare, che sono le fonti principali dei messaggi pubblicitari. I bambini che passano molto tempo davanti a tv o telefonino finiscono per ricevere molti input pubblicitari.

Tags:
bambiniconsumismofigli
Top 10
See More