Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconStorie
line break icon

“Padre, mi battezzi perché voglio vivere!”, un racconto di amore e conversione in Venezuela

SICK

Exe Lobaiza | Cathopic

Macky Arenas - pubblicato il 15/12/19

“Episodi come questo ci dimostrano che la vita ha una missione, e rafforzano la convinzione che le nostre confraternite esistano per aiutare i bisognosi e alleviare la situazione dei malati, la loro anima, perché sentano la vicinanza del prossimo, perché chi soffre veda in noi il volto di Dio. Che il Signore non ci abbandona, e che nonostante la malattia, le ristrettezze, le privazioni e le miserie Dio ci mette sempre accanto qualcuno che ci mostra che la croce può essere più leggera”.

“Ne siamo usciti evangelizzati”

Nelle visite agli ospedali si vede di tutto: bambini di appena sei mesi malati di cancro, piccoli di ogni età con malattie incurabili che portano a interrogarsi sul senso di quella sofferenza in creature innocenti.

“Vedere il sorriso di quei bambini ci insegna molto”, ha affermato il sacerdote. “Portiamo non solo cose materiali, ma anche affetto, amore, coraggio, e siamo noi a uscirne evangelizzati. Usciamo con più voglia di continuare a lavorare e a ringraziare Dio per il poco che abbiamo, riconoscendo quello che ci offre. Coinvolgiamo nelle nostre attività i figli dei membri delle confraternite. Quando arrivano a casa, apprezzano e valorizzano di più la mamma e il papà. È incredibile come si avvicinano maggiormente ai nonni dopo aver visitato gli ospizi”.

Il protagonista del nostro racconto se ne è andato, ma la sua vita è oggi più piena di quanto sia mai stata. Ha trovato la guarigione. Aspettava la morte e ha trovato la vita. La sua speranza aveva senso. E la sua famiglia ha vissuto un momento di comunione senza comunicarsi perché ha ricevuto l’affetto, la vicinanza e il sostegno di un gruppo di cattolici che ha assistito il figlio nel momento cruciale del suo incontro con l’Eterno.

  • 1
  • 2
Tags:
battesimomorteragazzovenezuela
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni