Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

8 dicembre: l’Immacolata cade nella Seconda Domenica d’Avvento. Quale si celebra?

THE IMMACULATE CONCEPTION
Condividi
Questa domenica, 8 dicembre, coincideranno nel calendario la solennità dell’Immacolata Concezione di Maria e la Seconda Domenica d’Avvento. Quale delle due date liturgiche ha la “priorità”?

La Chiesa cattolica stabilisce norme liturgiche in base alle quali esistono delle precedenze da rispettare quando due o più celebrazioni cadono nello stesso giorno. Secondo queste norme, la precedenza in questo caso sarebbe della Seconda Domenica d’Avvento, perché celebra Cristo, e in questo modo la solennità dell’Immacolata dovrebbe essere celebrata il giorno dopo.

In alcuni Paesi, però, la Chiesa permette, per ragioni importanti legate alla devozione popolare locale, che la solennità dell’Immacolata Concezione venga celebrata nella sua data originale, l’8 dicembre, pur essendo una domenica d’Avvento. In fondo, qualsiasi festa di Maria è necessariamente una festa di Cristo.

Le precedenze sono definite nelle Norme Generali per l’Ordinamento dell’Anno Liturgico e del Calendario, il cui numero 59 stabilisce una tabella relativa alla priorità delle celebrazioni:

“1. Triduo pasquale della passione e risurrezione del Signore.
2. Natale del Signore, Epifania, Ascensione, Pentecoste.
Domeniche di Avvento, Quaresima e Pasqua.
Mercoledì delle ceneri.
Ferie della Settimana santa, dal lunedì al giovedì compreso.
Giorni durante l’ottava di Pasqua.
3. Solennità del Signore, della beata Vergine Maria e dei Santi, elencale nel calendario generale.
Commemorazione di tutti i fedeli defunti (…)”.

Il numero 60 delle Norme stabilisce che “se nello stesso giorno capitano più celebrazioni, si celebra l’ufficio di quella celebrazione che nella tabella dei giorni liturgici occupa il posto superiore. Tuttavia una solennità impedita da un giorno liturgico, che ha la precedenza, si trasferisce al primo giorno seguente che sia libero”.

Un esempio è la solennità di San Giuseppe, la cui data normale è il 19 marzo. Quando cade in una domenica di Quaresima, però, viene celebrata il 20 anziché il 19. Alcuni anni fa, il 19 marzo è caduto in piena Settimana Santa, e quindi la festa di San Giuseppe è stata spostata al lunedì dopo la Seconda Domenica di Pasqua, visto che sia la Domenica di Pasqua che la Seconda Domenica di Pasqua hanno la precedenza.

Per eccezione speciale alla regola liturgica generale, quindi, in vari Paesi quest’anno la solennità dell’Immacolata verrà celebrata questa domenica. D’altronde, Maria è Maria, e Gesù vorrebbe sicuramente celebrarla nella Sua domenica d’Avvento!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni