Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando riceveremo un corpo glorioso dopo la morte?

LEVITATION
Condividi

Quando moriamo la nostra carne si distrugge, ma la nostra anima no, perché è immortale

Padre Cido Pereira, che tiene una rubrica una rubrica in cui risponde alle domande dei fedeli cattolici sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, ha risposto a una lettrice che chiedeva:

“Quando riceveremo un corpo glorioso dopo la morte?”

Estelita, del quartiere di Campo Limpo, ha inviato questo dubbio: “Sento i sacerdoti spiegare che quando moriremo riceveremo un corpo glorioso. Mi chiedo: riceveremo questo corpo glorioso il giorno della nostra morte o nel giudizio finale? E com’è questo corpo glorioso?”

Estelita, posso iniziare a rispondere alla sua domanda partendo da quello che diciamo nel Credo cristiano. Noi terminiamo sempre il Credo con una professione di fede nella resurrezione della carne e nella vita eterna. Quando diciamo questo, ribadiamo che come Cristo è davvero risorto, anche noi risusciteremo alla fine dei tempi.

E cosa significa la parola “carne”? “Carne” è la nostra condizione umana, segnata dalla debolezza. Quando moriamo, la nostra carne si distrugge, ma la nostra anima no, perché è immortale. E allora, credere alla resurrezione dei morti è credere alla vittoria della vita sulla morte. Gesù è risorto, e anche noi risusciteremo. Noi risusciteremo come Cristo, con Cristo e per Cristo. E se qualcuno le dice, sorella mia, che la resurrezione dei morti non avverrà, ricordi San Paolo, che ci ha detto che il nostro Dio non è un Dio dei morti, ma dei vivi (cf. Mc 12,27).

E cosa sarà la resurrezione? Sarà quando Dio riunirà la nostra anima al nostro corpo. Risusciteranno alla fine dei tempi tutti gli uomini che sono morti. Quelli che sono stati fedeli a Dio risusciteranno alla vita, quelli che avranno praticato il male e compiuto scelte sbagliate nella vita risusciteranno per la condanna.

Ora posso rispondere alla sua domanda, Estelita. Come sarà il nostro corpo glorioso dopo la resurrezione? Non sarà più un corpo corruttibile. Sarà un corpo rivestito di incorruttibilità, senza le limitazioni della materia. È questo che insegna la Chiesa, è questo che crediamo, è questo che aspettiamo. Un abbraccio, Estelita.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.