Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconStile di vita
line break icon

Paura: qual è il confine tra normalità e malattia?

UPSET STUDENT IN CROWD

Shutterstock

Canção Nova - pubblicato il 11/11/19

La paura è una delle emozioni primarie che derivano dall'avversione naturale alla minaccia, presente sia negli animali che negli esseri umani

La paura è un’emozione caratterizzata da un intenso sentimento, in genere sgradevole, provocato
dalla percezione di un pericolo, presente o futuro, reale o supposto. È una delle emozioni primarie che derivano dall’avversione naturale alla minaccia, presente sia negli animali che negli esseri umani.

Questa eredità primitiva protegge in situazioni semplici, come valutare il rischio nell’attraversare una strada, ad esempio, preparandoci per la lotta o la fuga. Quando è intensa, però, la paura può portare a una valutazione estrema e poco realistica delle cose.

Al Pronto Soccorso è comune trovare persone con sintomi come aritmia, sensazione di morte, dolore al petto… tutte sensazioni che quando vengono analizzate sono collegate alla paura patologica diventata ansia. Interrogate, queste persone riferiscono paura ed estremo sconforto, che una volta valutati non vengono collegati alla situazione reale.

In alcuni casi, la situazione estrema di paura può far sì che la persona non riesca a partecipare a delle feste, a viaggiare in aereo, a uscire per strada, a convivere, lavorare, studiare… In questi casi, stiamo parlando di una paura che è diventata malattia.

In genere, le malattie collegate alla paura hanno un carattere emotivo, come il disturbo da panico, l’ansia generalizzata, il disturbo da stress post-traumatico (che si verifica, ad esempio, dopo un assalto o un sequestro). Ciò vuol dire che tutti i disturbi dell’ansia hanno un rapporto diretto con queste situazioni in modo sproporzionato e paralizzante.

Una questione preoccupante è il fatto che le persone colpite da ansia potranno anche passare per la depressione, ovvero soffrire di due condizioni debilitanti che pregiudicano il normale svolgimento della vita. In chi soffre di disturbi dell’ansia salute e benessere affettivo sono direttamente pregiudicati.

Più neghiamo ed evitiamo le situazioni che suscitano paura, più diventiamo ansiosi. Riusciamo a superare la questione se la affrontiamo, ovvero se anziché nostra nemica diventa amica e i sentimenti di angoscia vengono minimizzati. Le emozioni non sono nemiche ma guide, indicano che qualcosa va bene o no. Non provate rabbia nei loro confronti, comprendetele per discernere ciò che si può migliorare nella vostra vita.

La svolta si verificherà quando, non più dominati dalla paura, riuscirete a valutare in modo più realistico e con meno sofferenza le situazioni, agendo in modo più razionale, avendo quindi più controllo su quello che si prova. Sarà importante includere delle dosi di realismo, ma senza la negatività, che in genere è una lente piuttosto usata dalle persone ansiose.

Non abbiamo il controllo di tutto, e non tutto andrà in modo perfetto. È questa necessità che ci creiamo che finisce per essere una delle cause dell’ansia. Permettetevi di vedere le situazioni in modo diverso, e al di sopra di tutto accettate l’orientamento medico e psicoterapeutico quando le situazioni legate all’ansia diventano dannose per la vostra salute e per lo svolgimento della vostra vita quotidiana.

* Elaine Ribeiro è psicologa clinica e organizzativa della Fondazione João Paulo II / Canção Nova. Twitter: @elaineribeirosp

Blog: http://temasempsicologia.wordpress.com

Tags:
malattiapaura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni