Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconStile di vita
line break icon

Le persone più felici non si espongono tanto sulle reti sociali

SELFIE

Shutterstock | Bogoljubb

Cecilia Zinicola - pubblicato il 07/11/19

Statisticamente, le persone che hanno un rapporto felice dedicano meno tempo a comunicarlo al mondo

Ci sono ragioni legittime per pubblicare in rete commenti e foto sulla propria vita: un evento importante, un’occasione speciale che si vuole festeggiare, una foto che rende felici o semplicemente un commento positivo. Secondo uno studio realizzato da esperti di reti sociali dell’Università del Nord-Est dell’Illinois (Stati Uniti), le persone che pubblicano più cose sulle reti sociali non sono necessariamente più felici.

A volte, infatti, leggiamo commenti amorosi nei confronti del partner in una coppia che non vive certo il suo momento migliore, ovvero a esporsi sono persone il cui rapporto non funziona bene come potrebbe sembrare a prima vista. Gli studi suggeriscono che ci sono delle tendenze che possono spiegare perché una coppia felice non vuole avere tanto protagonismo nel mondo virtuale.

Si gode il momento

Quando una coppia è felice, in genere si gode il momento che sta vivendo senza distrarsi. Non mancheranno foto per ricordare certi momenti e commenti con cui celebrare il suo amore, ma se sta bene la normalità è non voler interrompere quel momento per farsi un selfie e/o pubblicarlo. Quando una coppia è felice, non ha bisogno di dimostrarlo.

Shutterstock

Non ha bisogno che altri validino il suo rapporto

Ci sono persone che pubblicano molto perché sentono il bisogno di mostrare agli altri, al partner o perfino a se stessi che il rapporto va bene. Hanno bisogno di sentire quanto sia importante avere un legame con commenti che affermano o validano quell’unione. Questo può diventare uno strumento di aiuto prezioso quando la coppia sta attraversando momenti difficili.

  • 1
  • 2
Tags:
felicitàreti sociali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni