Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 consigli per dibattere con un ateo

Condividi
di Silvana Ramos

Qualche giorno fa mi sono imbattuta per caso in questo video. È del sacerdote marianista Daniel Pajuelo, più noto come «SMDANI», un sacerdote Youtuber che da qualche anno porta la Buona Novella e tende ponti di dialogo nelle reti sociali.

Non è mai facile parlare quando si hanno posizioni opposte. Credo che oggi sia un’arte poter esprimere il proprio punto di vista senza essere definiti intolleranti o irrispettosi. Cristiani e non cristiani devono percorrere un lungo cammino relativamente all’arte del dialogo e dell’intesa corretta.

Questo video mi è sembrato ideale per imparare a dialogare, soprattutto quando dobbiamo spiegare la fede a un ateo. Non si può controllare la reazione di chi si ha di fronte, ma si può controllare la propria e “gettare ponti”, come dice padre Daniel, per promuovere un dialogo fruttuoso.

Il video di SMDANI è la risposta a un video intitolato “Dio non esiste”, proposto da una youtuber messicana piuttosto nota, Dama G. A molti questo video è risultato estremamente offensivo, e posso capirne facilmente il motivo, ma vorrei che ci concentrassimo sul modo in cui risponde padre Daniel, dal quale possiamo imparare davvero molto.

1. Cercate di non scandalizzarvi e ascoltate il vostro interlocutore

Siamo tanto sensibili e a volte anche complessati (so che questa affermazione è dura e può ferire, ma credetemi che ha un senso esprimerla esplicitamente) da soffermarci al dolore del primo impatto. Se cerchiamo di guardare con gli occhi di Gesù, vedremo che la prima impressione si va diluendo e possiamo guardare con una prospettiva migliore quello che sta accadendo. Spesso abbiamo sentito che non è bene rispondere in momenti di ira o dolore perché potremmo dire cose che in realtà non pensiamo. Questo è un buon esempio: prima di rispondere all’amico ateo prendiamoci un attimo per diluire quel momento scomodo, scandaloso, che ci destabilizza, per poter poi rispondere con un po’ più di oggettività e un po’ meno sentimento.

2. Guardate innanzitutto gli aspetti positivi

La prima cosa che fa SMDani è riconoscere gli aspetti positivi prima di emettere qualsiasi giudizio. Ammira il suo lavoro, riconosce che lo fa molto bene, che sa utilizzare le risorse, che è arrivato a moltissima gente. Oserei dire che ha sicuramente tenuto conto di questo nella sua risposta. Ciò vuol dire che sa che non è una risposta per una sola persona, ma per molte.

Magari se tenessimo conto di questo risponderemmo con un po’ più di responsabilità. So che nella quotidianità non siamo Youtubers o bloggers, ma le nostre azioni si ripercuotono sempre su più persone. Viviamo in comunità, l’esempio conta molto e le nostre parole raggiungono molte più persone del nostro interlocutore ateo.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.