Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconStile di vita
line break icon

4 miti sulla castità che ci hanno perseguitato tutta la vita

© Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 23/10/19

di Daniel Torres Cox

Se oggi si celebrasse una festa della sessualità, sicuramente nessuno inviterebbe a ballare la castità. Sarebbe una di quelle che appena arrivano a una festa vengono guardate con la coda dell’occhio mentre la gente continua a farsi i fatti propri. Viene ignorata, fingendo che non ci sia. Non è decisamente popolare.

Il problema, però, non è la castità, ma quello che si dice di lei. Si è guadagnata una cattiva nomea, ma senza che si conosca davvero. Di lei si dicono molte cose, per la maggior parte false. In questo articolo cercheremo di conoscerla un po’ meglio partendo da quattro miti che avrete sicuramente ascoltato più di una volta.

Mito #1: La castità è un “No”

Una prima cosa di cui tener conto riguardo alla castità è che si tratta di un’abitudine, e come ogni abitudine si acquisisce attraverso la ripetizione di atti. Prendiamo ad esempio l’abitudine allo studio. Come si acquisisce? Studiando. Come per ogni abitudine, però, non basta sedersi a studiare un pomeriggio – è un atto che deve durare nel tempo.

L’aspetto interessante è che man mano che passa il tempo e si acquisisce l’abitudine, l’atto proprio di quell’abitudine – studiare – diventa sempre più semplice. Ci si sente bene a farlo, e lo si fa sempre meglio. E questo vale per tutte le abitudini.

Se l’atto a partire dal quale si costruisce l’abitudine allo studio è studiare, l’atto da cui sorge la castità è ordinare le forze del mondo della sessualità all’amore, ovvero scegliere l’amore – amore inteso non come sentimento, ma come la decisione di cercare il bene dell’altra persona.

Per questo, la castità, più che un “No”, è un “Sì”: un “Sì” all’amore. È vero che molte volte la castità viene vista partendo dalle cose che non si devono fare, ma perché sorga autenticamente la castità quel “No” dev’essere sempre la conseguenza di un “Sì” più grande.

“Perché non guardo materiale pornografico?” Perché preferisco vedere le altre persone come soggetti d’amore, e non come oggetti di piacere. Il “No” si intende sempre partendo dal “Sì”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
castità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni