Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStorie
line break icon

La storia di Madre Elvira: mio padre alcolizzato è stato la mia “fortuna”

meeting rimini youtube

Sceenshot - Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/09/19

La religiosa racconta la sua vocazione: "Per tanto tempo mi sono vergognata della mia famiglia. Ora non più. Perché mi ha insegnato la concretezza della vita"

«Il mio papà è stato il primo drogato che la Divina Provvidenza mi ha messo tra le braccia». E’ l’incredibile storia di Suor Elvira Petrozzi della Comunità “Il cenacolo“, che prende forma durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 1940 e il 1945, quando con la famiglia si è trasferita da Sora, in provincia di Frosinone, ad Alessandria. Il padre era impegnato sul fronte di guerra, mentre la madre, tra molte difficoltà, doveva badare ai sette figli.

Ma la situazione a casa era ancora più esplosiva a causa dei comportamenti paterni: l’alcool stava iniziando a devastare l’uomo. Man mano che la guerra volgeva al termine, la famiglia di Madre Elvira viveva sempre peggio la situazione di normalità.

L’alcool

La dipendenza dall’alcool del padre peggiorava sempre più. Quando tornava dal campo di battaglia, e poi dopo il conflitto, quando era alla ricerca di un lavoro per campare i suoi sette figli, l’alcolismo gli creò problemi.

«Qualsiasi occupazione durava poco a causa dell’alcool – ricorda Madre Elvira – Io mi vergognavo, all’epoca, di questa condizione di mio padre. Eppure, nel tempo, ho iniziato a guardare questa situazione in modo diverso. Se mio padre fosse stato affidabile, perbene, che pensava alla famiglia, forse non sarei diventata quella che sono ora. Mio padre mi ha insegnato la povertà, l’umiltà».




Leggi anche:
Ho 24 anni, sono un monaco millennial e questa è la storia della mia vocazione

“La concretezza della vita”

Madre Elvira ricorda un episodio in particolare: «Papà mi veniva a prendere a scuola con la bici. I bambini della terza elementare mi facevano notare che era ancora una volta ubriaco. Io abbassavo la testa e andavo via. Per tanto tempo sono stata male per la condizione della mia famiglia. Ora non più. Mio padre mi ha insegnato la concretezza della vita. Anche quando aveva bisogno delle sigarette e in piena mi svegliava, fuori controllo di sé, e mi chiedeva di andarle a comprare, io non potevo dire “no”. Avevo tanta paura perché dovevo passare tra luoghi pericolosi, boscaglia, tanto più in inverno quando era ancora più buio e freddo. In quel modo, però, mio padre mi ha formato all’ubbidienza, al sacrificio. E’ stato il primo drogato che la Divina Provvidenza mi ha dato tra le braccia: ho dovuto fargli di tutto».

“Perdonate la vostra famiglia”

Da qui un appello accorato della religiosa: «Perdonate la vostra famiglia, se in passato ha fatto qualcosa che vi ha umiliati, o se non siete stati apprezzati. Perché tutto quello che è avvenuto quando eravamo piccoli, se oggi siamo qua, è perché è stato trasformato: dalle tenebre alle luce, e ci ha insegnato a vivere l’amore».


SISTER ANNE MARIE, HANNAH LOEMAN

Leggi anche:
Dalla vocazione al silenzio e alla preghiera fiorisce il sorriso di Anne Marie

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni