Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La piccola Diana, 6 anni, è morta. Affetta da aplasia midollare, aspettava il trapianto

DIANA BISCEGLIA
Avv. Michele Bisceglia
La piccola Diana, 6 anni, è deceduta domenica 8 settembre al Bambin Gesù per infezione polmonare.
Condividi

Non ha superato un'infezione polmonare; il decesso è avvenuto domenica sera 8 settembre al Bambin Gesù dove era ricoverata in attesa di un trapianto di midollo da donatore compatibile.

Un’infezione polmonare ha spento il sogno e la speranza di poter salvare la piccola Diana, la bambina di 6 anni affetta da aplasia midollare che come Alex aspettava da mesi un midollo compatibile per un trapianto da eseguire al Bambin Gesù di Roma. Figlia dell’avvocato napoletano Michele Bisceglia di cui tutti ricordano la forza e la determinazione con cui nei mesi scorsi ha condotto una campagna di sensibilizzazione per trovare tramite i social e manifestazioni in varie piazze di Napoli un donatore compatibile, Diana ha combattuto fino alla fine. La piccola Diana è morta domenica sera all’ospedale Bambin Gesù di Roma dove era appunto in cura e in attesa di trovare un donatore compatibile. (Il Mattino)

Ci eravamo uniti anche noi al coro di appelli per trovare un donatore compatibile per la piccola Diana. Il padre ha usato tutte le energie e le ragioni per promuovere il più diffusamente possibile una pratica per nulla invasiva. Voleva convincere quanti più potenziali donatori possibile per sua figlia e per i tanti bambini in attesa da anni, addirittura da anni.

In uno dei suoi video spiegava che la parola trapianto poteva scoraggiare qualcuno facendo pensare ad un vero e proprio intervento, invasivo e doloroso. Invece candidarsi come donatori e magari essere in grado di offrire attraverso il proprio sangue le cellule emopoietiche necessarie al paziente, non provoca dolore ma apporta enormi benefici, ad entrambi.

Questa speranza per la vita della piccola Diana ora non c’è più. Non ha potuto superare un’infezione probabilmente seria ma resa più aggressiva dalla debolezza del suo organismo provato dalla malattia ematologica. E ai genitori e alla sorella rimasti a piangerla resta “solo” la speranza cristiana. Che è la più grande, la più vera e consolante: loro figlia è destinata all’eterno e un giorno saranno di nuovo insieme, dove non esisterà più motivo di pianto.

FAMIGLIA BISCEGLIA
Michele Bisceglia
La famiglia di Diana Bisceglia: mamma Rossella, papà Michele, la sorella Giulia e la più piccola, Diana

Ora però c’è il dolore umanissimo di non poterla più stringere, di non potere più godere della sua presenza, vederla crescere, diventare grande, fare capricci, regalare sorrisi.

Ci stringiamo a questa famiglia e a tutte quelle cui toccano prove tanto grandi per versare sulle loro anime il balsamo dolce della preghiera fraterna. E proprio il giorno della sua morte cadeva la festa della Natività di Maria: affidiamo lei e la sua famiglia proprio a Maria Bambina, perché sappiamo che il nostro destino è fatto di gioia senza fine e senza ombre, come quella della nostra Mamma del Cielo.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.