Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Federica Pellegrini e la devozione per la Madonna: si è fatta tatuare un rosario

Condividi

“Mi ha accompagnato in tutte le sfide più difficili… sempre sotto al mio cuscino… ora… non andrà più via”

Un nuovo tatuaggio per Federica Pellegrini. Sul costato la 31enne nuotatrice veneta, che si può considerare una delle più grandi sportive italiane di tutti i tempi, ha scelto di farsi incidere un simbolo religioso, che richiama inevitabilmente la Madonna.

Su instagram, infatti, ha postato una foto mentre si lascia disegnare dal tatuatore un rosario. “Mi ha accompagnato in tutte le sfide più difficili… sempre sotto al mio cuscino… ora… non andrà più via”, ha scritto Federica accompagnando la foto (Gazzetta dello Sport, 3 settembre).

A poco più di un mese dai Mondiali di nuoto di Gwangju, la 31enne ha deciso di festeggiare la sua quarta medaglia d’oro iridata nei 200 metri stile libero.

I momenti più belli della sua vita

Non è la prima volta che la campionessa festeggia un successo o una tappa importante della sua stellare carriera con un tatuaggio. A 17 anni si fece incidere sul collo un’araba fenice sul collo, simbolo di rinascita dopo le delusioni sportive ai Mondiali di Montreal nel 2005 e agli Europei di Budapest nel 2006.

La fenice è presente anche sul piede sinistro di Federica, in questo caso con due ali spuntate nel 2008 dopo il successo, sempre nei 200 metri stile libero, alle Olimpiadi di Pechino. Non mancano le dediche a chi è stato importante nel suo percorso in vasca come il nome di Alberto Castagnetti, l’allenatore che l’aiutò a riprendersi da quel periodo di difficoltà scomparso nel 2009, inciso su una delle rose disegnate sul fianco sinistro (Correre.it, 3 settembre).

Leggi anche: Nervosi? In difficoltà? Recitate un mistero del Rosario

“Ho le mie personalissime preghiere”

In un’intervista a famigliaok.it (ottobre 2017), aveva risposto così alle domande sul suo rapporto con la fede:

È credente?

“Credo in Dio, certo”.

Prega?

“Ho le mie personalissime preghiere. Le ripeto ogni volta che sento l’esigenza di riflettere e stare più in contatto con la mia anima”.

Crede negli angeli?

“Gli angeli sono quelle persone che per qualche motivo sono state chiamate a “vegliare su di noi” e a starci vicino più degli altri

Leggi anche: Il mio angelo custode finisce di recitare il Rosario per me se mi addormento?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.