Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il mio angelo custode finisce di recitare il Rosario per me se mi addormento?

ROSARY
Pascal Deloche | Godong
Condividi

Gli angeli esistono per rendere gloria e onore a Dio, e il Rosario è una preghiera che amerebbero recitare

Una tradizione molto diffusa afferma che se ci addormentiamo mentre recitiamo il Rosario il nostro angelo custode lo finirà per noi. È confortante, soprattutto se si tende ad addormentarsi ogni volta che si inizia a recitare il Rosario.

Ma è vero?

Secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, “dal suo inizio fino all’ora della morte, la vita umana è circondata dalla loro protezione e dalla loro intercessione. « Ogni fedele ha al proprio fianco un angelo come protettore e pastore, per condurlo alla vita »”.

Gli angeli custodi sono servi e messaggeri di Dio che ci vengono assegnati all’inizio della nostra vita per proteggerci e custodirci, guidandoci alla Vita Eterna. La loro missione principale è assicurare che scegliamo la via che conduce al Cielo.

Il Rosario è una potente preghiera devozionale che può aiutarci in questo cammino. Quando viene recitato con fede e amore può trasformare la nostra vita. A volte, però, inizieremo a recitare il Rosario (soprattutto al momento di andare a letto) e ci addormenteremo. Il nostro angelo custode riprenderà da dove abbiamo interrotto?

Leggi anche: I consigli di San Giovanni Eudes per sentire più vicini gli angeli

Se è vero che gli angeli custodi fanno qualsiasi cosa serva per portarci in Cielo, sono comunque spiriti creati e non conoscono i nostri pensieri, a meno che non li riveliamo loro intenzionalmente. Non hanno ricevuto l’accesso ai nostri pensieri. Solo Dio sa esattamente cosa accade nella nostra mente, perché è il Creatore di tutti noi. Come risultato, se vogliamo che il nostro angelo custode termini il nostro Rosario, dobbiamo chiedergli di farlo.

Gli angeli trascorrono la loro esistenza lodando Dio e godendosi la visione beatifica, e quindi aggiungere il Rosario alle loro preghiere non è certo un peso. Di fatto, potrebbero recitarlo molto meglio di quanto riusciremo mai a fare noi sulla Terra!

Allo stesso tempo, non è qualcosa di cui dovremmo abusare, rinunciando del tutto al Rosario perché vogliamo che sia il nostro angelo custode a recitarlo per noi. L’atto di recitarlo è spesso quello che ci trasforma e conforma la nostra volontà a quella divina. È una disciplina dai molti benefici, e quindi non dovremmo abbandonarla per pigrizia.

La prossima volta che vi disporrete a recitare il Rosario, tenete a mente che il vostro angelo custode può finirlo per voi (e lo farà con piacere), ma dovete rivelargli questo vostro desiderio e chiedere il suo aiuto.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.