Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Imu non pagata: braccio di ferro tra Comune e Santuario di Loreto. Chi ha ragione?

@Massimo Roselli
Condividi

Nelle casse comunali ci sarebbe un ammanco di 130mila euro. La Delegazione Pontificia fa reclamo: ecco perché non dobbiamo pagare nulla

E’ diventato un caso la vicenda dei presunti mancati pagamenti dell’Imu della Santuario di Loreto al Comune marchigiano.

Gli accertamenti effettuati dalle autorità comunali hanno riscontrato un mancato pagamento di 130 mila euro, una cifra che era stata notificata alla Chiesa attraverso i canali amministrativi, anni addietro. La cartella esattoriale è finita al centro di una disputa diplomatica perchè la Santa Casa di fatto è una realtà di proprietà della Santa Sede e contemplata nel Trattato del Laterano.

DOMEK LORETAŃSKI W KRAKOWIE
Archiwum Kapucynów Prow. Krakowska.
La Santa Casa di Loreto

Secondo il Comune la Chiesa è insolvente

Una questione un po’ vecchia che si trascina irrisolta. Tutto è nato nel 2013. Dalle carte la Chiesa risulterebbe insolvente. La somma dovuta riguarda il  pagamento all’erario per l’Imu (su ostelli, terreni e fabbricati e altre strutture commerciali). Il denaro era previsto nei bilanci comunali ma non è mai stato incassato perchè non è chiara la cornice normativa. Il santuario ha presentato una dichiarazione come ente non commerciale, rammentando che la struttura è una realtà che dipende dal Vaticano. Al momento il contenzioso resta aperto in attesa di soluzioni.

Secondo la Chiesa l’attività non è commerciale

Nel frattempo la Delegazione Pontificia per la Santa Casa di Loreto ha fatto presente, in una dichiarazione, che non si è mai sottratta alle tasse dovute. Il fatto è che stavolta la questione è ben altra, «se in virtù della sua appartenenza alla Santa Sede e del suo governo per il tramite della Segreteria di Stato, la Delegazione Pontificia debba subire da parte di un soggetto pubblico le valutazioni di merito riguardanti la strumentalità e l’accessorietà delle sue diverse attività rispetto ai fini di carità e di culto da essa perseguiti, fini che nessuno ha mai messo in dubbio» (Il Messaggero,30 agosto).

“Tasse pagate regolarmente”

Nel reclamo, dunque, la Delegazione Pontificia ha ricordato che la Santa Casa non è una semplice parrocchia, ma è un Ufficio della Segreteria di Stato del Vaticano. Una parte di uno stato estero che gode della extraterritorialità riconosciuta dai Patti Lateranensi del 1929 e le cui attività di culto sarebbero direttamente connesse alla gestione dei suoi beni. Le tasse, dunque, sarebbero state pagate regolarmente e la normativa richiamata dal Comune non sarebbe applicabile (Cronache Maceratesi, 31 agosto).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.