Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Babilonia, oggetto di qualsiasi fantasia

Cité de Babylone.
Condividi

L'antica città mesopotamica, a sud di Baghdad, è stata classificata il 5 luglio Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, e viene nominata spesso nella Bibbia

L’antica città mesopotamica di Babilonia nel II millennio a.C. sarebbe diventata la capitale di un grande regno, che avrebbe raggiunto il suo apogeo nel VI secolo a.C. sotto il regno del celebre Nabucodonosor II.

Fu lui a distruggere il tempio di Salomone nel 587 a.C. durante l’assedio di Gerusalemme, provocando l’esilio di molti ebrei verso la città di Babilonia. L’esilio è rimasto registrato nella storia ebraica, come ricorda il Salmo 137: “Là, presso i fiumi di Babilonia, sedevamo e piangevamo ricordandoci di Sion”.

Nonostante la rottura con il regno di Davide, gli ebrei si sollevarono e videro l’occasione di ricostruire le basi di Israele. Secondo la tradizione ebraica, anche il Libro delle Lamentazioni di Geremia sarebbe stato scritto in quell’epoca. Il biblista Pierre Gibert dichiara anche che la Bibbia sarebbe nata a Babilonia, “da questa esperienza che fu quasi mortale ma che gli ebrei trasformarono in grazia divina”.

Ancora oggi l’esilio babilonese è commemorato dagli ebrei praticanti, e il Talmud di Babilonia, redatto dagli ebrei rimasti nella città mesopotamica, è tuttora fonte di autorità.

Multipedia - Shutterstock

Per gli ebrei esiliati, Babilonia era una città smisurata, e la/lo ziqqurat, l’altissima torre eretta al centro della città, era un simbolo dell’orgoglio degli uomini. La sua forma sarebbe stata ripresa anche nel famoso episodio della torre di Babele, evocato nella Genesi.

Dopo il Diluvio, quando tutti parlavano la stessa lingua, gli uomini iniziarono a costruire una città e una torre la cui cima doveva toccare il cielo. Dio, però, per punire gli uomini per il loro orgoglio, confuse la loro lingua e li disperse sulla terra. Venne così abbandonata la costruzione di Babele.

L’immagine negativa di Babilonia, simbolo di decadenza, sarebbe durata al di là dell’Antico Testamento e sarebe stata menzionata anche nel Nuovo. Al tempo dei primi cristiani, Roma è stata definita “Grande Babilonia” per via delle persecuzioni contro i cristiani. Nell’Apocalisse di San Giovanni, Babilonia viene associata alla “grande prostituta”, la falsa religione: “Babilonia la grande, la madre delle prostitute e delle abominazioni della terra” (Ap 17,5).

Ne La Città di Dio, Sant’Agostino oppone la città di Dio alla città terrena, associando Babilonia a quella terrena: “Ciascuno si interroghi su ciò che ama, e scoprirà la sua cittadinanza. E se si scopre cittadino di Babilonia, sradichi l’avidità e pianti la carità. Ma se si scopre cittadino di Gerusalemme, sopporti la cattività e aspetti la libertà”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.