Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il significato di ogni richiesta che rivolgiamo nel Padre Nostro

Jeffrey Bruno
Condividi

Chiamare Dio “Padre” è un’audacia filiale, ed Egli vuole che siamo audaci

La sesta e la settima richiesta riguardano la lotta spirituale che siamo chiamati a intraprendere, la cui vittoria è di chi rimane in preghiera.

“Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. Pregare e perdonare richiede un esame di fiducia permanente. Chi non ho ancora perdonato? Chi devo ancora perdonare? Sappiamo che Dio perdona, ma riusciremo ad essere perdonati da Lui solo nella misura in cui perdoniamo i nostri fratelli. Dal momento in cui perdoniamo e abbiamo la memoria purificata, ciò che era motivo di sofferenza si trasforma in motivo di intercessione, in preghiera per quella persona.

“Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male” è un’affermazione relativa al fatto che la tentazione fa parte della nostra vita – non è inviata da Dio, ma permessa da Lui. I nostri peccati sono frutto della nostra debolezza di fronte alla tentazione, e questa è una richiesta di discernimento, di forza per vincere le tentazioni, vigilando e pregando. Chiediamo che Dio ci liberi dal male del presente, del passato e del futuro, e che ci allontai da tutto ciò che ci può far perdere la salvezza.

Propongo che dopo aver letto questo articolo, la prossima volta che reciteremo questa preghiera lo facciamo con calma, riflettendo sul suo significato e sugli impegni che stiamo assumendo.

Preghiamo:

“Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male. Amen”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.