Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mai più nascondere presunti abusi sessuali: ora sono ufficiali le linee guida della Cei

GADKI
pingdao | Shutterstock
Condividi

Pubblicate le direttive che dovranno essere applicate in diocesi, parrocchie, istituti di vita consacrata in Italia. Prima regola: dovere morale di denuncia ad ogni livello

E’ stato pubblicato sul sito della Conferenza episcopale italiana, il testo delle Linee Guida approvate dall’Assemblea generale dei vescovi italiani nel maggio scorso contro gli abusi, quando si era parlato, nella conferenza stampa finale, dell’introduzione dell’obbligo morale di denuncia.

SYNOD BISHOPS
M.MIGLIORATO I CPP I CIRIC
21 mai 2018 : Discours du pape François lors de l'ouverture de l'Assemblée générale de la Conférence épiscopale italienne. Salle du Synode au Vatican.May 21, 2018: Pope Francis speaks during the opening session of the General Assembly of the Italian Episcopal Conference, in the new Hall of the Synod at the Vatican.

“Peccato gravissimo”

Le norme si applicano a tutti coloro che operano, a qualsiasi titolo, individuale o associato, all’interno delle comunità ecclesiali in Italia e a tutti gli Istituti di vita consacrata e Società di vita apostolica. «Qualsiasi abuso sui fanciulli e sui più vulnerabili – scrivono i vescovi – ancor prima di essere un delitto, è un peccato gravissimo, ancor più se coinvolge coloro ai quali è affidata in modo particolare la cura dei più piccoli» (Ansa, 28 giugno).

“Segnalare tempestivamente”

Il capitolo 5 è quello dedicato alle segnalazioni di presunti abusi sessuali e afferma: «Chiunque abbia notizia della presunta commissione in ambito ecclesiale di abusi sessuali nei confronti di minori o persone vulnerabili è chiamato a segnalare tempestivamente i fatti di sua conoscenza alla competente autorità ecclesiastica». «La segnalazione non solo non esclude – aggiunge il testo – ma neppure intende ostacolare la presentazione di denuncia alla competente autorità dello Stato, che anzi viene incoraggiata».

“Protezione dei più piccoli”

pixabay

Il primo principio di base, il rinnovamento ecclesiale, prende le mosse dalla «Lettera al popolo di Dio» di papa Francesco del 20 agosto 2018 e ribadisce che «tutta la comunità è coinvolta nel rispondere alla piaga degli abusi non perché tutta la comunità sia colpevole, ma perché di tutta la comunità è il prendersi cura dei più piccoli».

Per questo, «è richiesto un rinnovamento comunitario, che sappia mettere al centro la cura e la protezione dei più piccoli e vulnerabili come valori supremi da tutelare».

“Rispettare la dignità delle vittime”

È necessario «dare il giusto e dovuto ascolto alle persone che hanno subito un abuso e trovato il coraggio di denunciare», in tal senso «la vittima va riconosciuta come persona gravemente ferita e ascoltata con empatia, rispettando la sua dignità».

Una priorità che «è già un primo atto di prevenzione perché solo l’ascolto vero del dolore delle persone che hanno sofferto questo crimine ci apre alla solidarietà e ci interpella a fare tutto il possibile perché l’abuso non si ripeta». Un processo cui è chiamata e responsabilizzata tutta la comunità, una «missione», in cui «ciascuno può e deve fare la sua parte» (Toscana Oggi, 28 giugno).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.