Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconNews
line break icon

Una carta di credito con il proprio “vero nome”

MASTERCARD

Capture Youtube

Jaime Septién - pubblicato il 26/06/19 - aggiornato il 26/06/19

Mastercard si unisce all'ideologia di genere

Mastercard è salita sul treno della post-modernità e ha immesso sul mercato un prodotto con cui permetterà ai “generi non binari” (quelli binari sono uomo e donna) di scegliere il nome che desiderano vedere impresso sulla propria carta di credito.

Il prodotto si chiama “True Name” (“Nome Vero”), e secondo quanto ha annunciato la compagnia ha l’obiettivo di far sì che la carta di credito Mastercard rifletta “la vera identità” della persona.

Ciò vuol dire che la carta riporterà l’identità che la persona ha scelto, non quella che le ha dato la natura o la biologia.

Mastercard dice di impegnarsi perché tutti i membri della comunità LGBTQ si sentano rappresentati sulla propria carta di credito riguardo al vero nome, quello che hanno assunto rinunciando al proprio sesso, cambiandolo, trasformandolo o rendendolo liquido.

L’argomentazione è che il nome impresso sulla carta di credito, debito o prepagata “non riflette la vera identità”, secondo l’annuncio che diffonde questa nuova opzione.

“Come risultato, per le comunità transgender e non binarie in particolare la carta può essere una fonte di sensibilità, distorcendo la vera identità nel fare acquisti e vivere la vita quotidiana”.

Secondo l’annuncio, “stiamo lavorando con dei soci per creare un prodotto e un processo confidenziale e privato senza domande personali che permetterà che i nomi veri, non i nomi morti, appaiano sulle carte senza il requisito di un cambio di nome legale”.

L’idea centrale dell’annuncio è che questa nuova proposta potrebbe eliminare una causa di dolore costante di cui soffre “la comunità transgender e non binaria” quando è vittima di servizi negati o viene attaccata quando le carte di credito non coincidono con i documenti.

“Per questo, molte persone transgender decidono di rinunciare al costo, alla complessità e all’ansia associati ai cambiamenti di nome e genere ufficiali. Questa discriminazione è arrivata anche alle carte di credito e ai meccanismi di pagamento”.

Mastercard esorta tutte le altre imprese finanziarie e creditizie a fare lo stesso in nome dell’uguaglianza dei diritti delle persone appartenenti alla comunità LGBTQ.

Tags:
carta di creditolgbtnome
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni