Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

San Ivo assistette alla trasmutazione di un angelo

saint, angels,
Condividi

Accadde in Bretagna. L’episodio è stato documentato nel processo di canonizzazione

Ivo, chiamato anche Ivo Hèlory e Ivo di Bretagna era un avvocato molto compassionevole, benefattore dei poveri e degli oppressi, tanto che invitò alla sua tavola un angelo che gli era apparso travestito da mendicante. Divenuto prete e parroco a metà della sua vita. Dopo la sua morte e canonizzazione fu invocato come patrono degli avvocati e dei giudici.

Ivo Hèlory, nato nel 1253 a Kermartin nella Bretagna dove il padre era proprietario terriero, per dieci anni studiò diritto canonico e teologia a Parigi – probabilmente come alunno di san Bonaventura – e si distinse dalla massa di studenti per la sua amabilità e purezza, come essi stessi testimoniarono durante il processo di canonizzazione.

ANGEL
Shutterstock | Danussa

Lavorò poi – ancora da laico – come giudice del tribunale vescovile dell’arcidiacono di Rennes. In seguito svolse la stessa mansione presso il vescovo Alanus de Bruc a Tréguier e, dopo la sua ordinazione sacerdotale intorno al 1284, fu pastore d’anime e avvocato nelle parrocchie di Tredrez e Louannec.

Si distinse per il suo spirito devoto e il suo impegno per i poveri ed indigenti che difendeva in maniera esemplare, davanti a tribunali spirituali e secolari.

Leggi anche: Sapete che cos’è e come si manifesta la “santità angelica”?

Durante il processo di canonizzazione, un testimone fece protocollare quanto segue:

un giorno, mentre Ivo era seduto a tavola con un suo amico – che in seguito testimoniò, durante la canonizzazione, ciò che aveva visto – si presentò un pover’uomo particolarmente pietoso e vestito di soli stracci. Ivo lo invitò alla sua tavola. Dopo che il povero ebbe assaggiato un po’ dei cibi, si alzò e volle uscire dalla porta. Allora, si girò ancora una volta dicendo, in lingua bretone, ad Ivo ed al testimone: ”Addio, il Signore sia con voi!”. Nello stesso momento il povero si trasmutò, divenendo bellissimo e risplendente, vestito con abiti bianchi. Dopo questa apparizione, Ivo cominciò a piangere alla presenza del testimone e disse: ”Ora so bene che è venuto a trovarci un messaggero di Dio!”

Ivo fu canonizzato da Papa Clemente VI il 19 maggio 1347. La sua venerazione si estese dalla Bretagna, che lo venera come secondo patrono del paese, in tutta l’ Europa. In poco tempo divenne patrono dei giuristi e delle facoltà di giurisprudenza. In Italia, Belgio, Francia e in Brasile nacquero addirittura fratellanze con il nome di san Ivo che tutelavano giuridicamente le classi sociali più povere.

Leggi anche: Ci sono più angeli caduti o uomini perduti? Risponde Sant’Anselmo

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.