Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Alberto Giuliari e la sua musica folk americana tra preghiere e spiritualità

musica cristiana alberto giullari
Condividi

Il cantautore vicentino, artista di musica cristiana, presenta “Tutto su di me”. Ad ispirarlo? Il gospel di Johnny Cash

«Non sono un musicista di professione, lavoro come assistente sociale. Sette anni fa ho ripreso la chitarra in mano, ed ho fondato insieme a degli amici un’orchestra acustica a Vicenza. L’idea di fare un cd? Perché a 45 anni mi sono voluto fare un regalo. Qui a Vicenza si suona molto, ci sono diverse band, cantautori. La musica è radicata nella cultura di questo territorio».

Lui è Alberto Giuliari, artista di Christian Music, che ha voluto realizzare un esperimento unico nel suo genere. Appassionato di bluegrass, western e country, ha selezionato una serie di grandi classici della musica popolare statunitense e li ha riproposti traducendo i testi in italiano, insieme ad una formazione acustica.   

Ne è uscito fuori “Tutto su di me“, un album con nove tracce tra cui “Folsom prison blues“, “Blue moon of Kentucky” e “Deep river blues“, ma anche brani più recenti e difficilmente immaginabili versione acustica con la ballata “Little wing” di Jimi Hendrix.

“Io sono un pellegrino”

Tutto è iniziato ascoltando i brani del cantautore americano Johnny Cash. «La sua storia mi ha colpito – spiega Alberto -, lui è molto credente ma è anche molto peccatore. Ho cominciato ad ascoltare la sua discografia e a tradurre le canzoni per capire cosa dicevano. Nel mio disco, in particolare, c’è una canzone “I’m a pilgrim”, brano tratto dal libro di preghiere della madre di Cash, in cui mi rispecchio molto».

Leggi anche: Lauren Daigle, il meglio della musica cristiana

“Stupiti” dalla spiritualità

Il cantautore vicentino osserva come questo lavoro musicale sia sopratutto un’espressione di spiritualità. «Sono credente e vengo da una famiglia credente. Ho ritrovato la fede da adulto dopo le vicissitudini della vita. Oggi avercela fa la differenza. è un parametro fondamentale nella lettura delle persone. E noto che unire fede, musica spiritualità, se per me è la “normalità”, chi ascolta i miei brani, invece, ne rimane meravigliato, stupito».

alberto giullari musica cristiana
Facebook Alberto Giullari

“Sintetizzano i miei pensieri”

Alberto sta presentando il cd in diversi luoghi del vicentino, ricevendo buoni riscontri di pubblico e critica. «Le canzoni che ho tradotto avevano un qualcosa da dire, sintetizzano i miei pensieri. Continuerò a portarle in giro, a farle conoscere. Nuovi progetti? Ne avrei in mente già un altro…».

Leggi anche: Intervista ai Reale per l’uscita del loro nuovo album “Travoglimi” (VIDEO)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.