Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconFor Her
line break icon

I bambini amano le regole ma odiano la mancanza di coerenza!

Shutterstock

Chiara Bertoglio - pubblicato il 13/06/19

I bambini hanno capito una cosa che molti grandi hanno dimenticato. Le regole e i limiti non sono cose negative: sono stimoli alla creatività e basi del vivere civile.

Alla festa di un matrimonio di amici, ho passato qualche tempo ad osservare un gruppetto di bambini che giocavano, e, per la prima volta, ho prestato attenzione ad una frase che io stessa, da piccola, ho ripetuto chissà quante volte: “Facciamo che…”.
Nel caso concreto, “facciamo che non bisogna salire sul tappeto”. E tutti i bambini d’accordo.
Ho così realizzato che i bambini amano le regole. Le amano tanto da darsele anche quando non ce ne sarebbe bisogno o nessuno gliene impone. Le amano tanto da farne uno dei loro giochi preferiti.
Non è vero che i bambini odiano le regole: odiano la mancanza di coerenza. Odiano, nell’adulto, che non rispetti le regole che egli stesso pone; odiano le regole che sono immotivate, assurde e arbitrarie; odiano le regole che non sono tali, che sono semplicemente capricci dell’adulto che basta un capriccio del bambino per smantellare.

I bambini hanno capito una cosa che molti grandi hanno dimenticato. Le regole e i limiti non sono cose negative: sono stimoli alla creatività e basi del vivere civile.
Posso giocare con te se ci mettiamo d’accordo sulle regole del gioco. Possiamo divertirci insieme se abbiamo una sfida – in comune o fra di noi -, e tale sfida quasi sempre dipende dai limiti che ci siamo posti.
Un artista è stimolato dai limiti della materia: non potrà fare la stessa cosa con degli acquerelli o con un blocco di marmo, perché la materia gli pone dei limiti e delle regole. L’arte, poi, sta indubbiamente nello sfidare questi limiti – ma nello sfidarli rispettandoli.
È un po’ come gli scalatori: sfidano se stessi e la montagna, ma se non sanno rispettare se stessi e la montagna rischiano moltissimo.




Leggi anche:
“Fare finta di” è un’esperienza fondamentale per lo sviluppo dei bambini

In fondo, anche il tempo “limitato” che ci è dato può essere un dono (Tolkien chiamava la finitudine della vita umana “the Gift of Men”, il “dono” degli umani), perché è ciò che ci spinge a dare vita ai nostri giorni, poiché non ci è dato di aggiungere giorni alla nostra vita.
Sia nell’educazione dei bambini, quindi, sia nella vita degli adulti – di relazione, di creatività, di procreazione – il limite può essere visto come dono prezioso: non, ovviamente, come blocco, negazione, proibizione, ma come incoraggiamento alla fantasia, come incanalamento provvidenziale del campo inesauribile delle possibilità, come traccia di cammino per il nostro oggi e il nostro domani.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
bambiniregole
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni