Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

“Fare finta di” è un’esperienza fondamentale per lo sviluppo dei bambini

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 10/04/19

Dai 2 ai 5 anni: il gioco simbolico. Scopriamone tutti i passaggi e i benefici!

A partire dal secondo anno di vita il gioco si trasforma e i bambini cominciano a “fare finta di”: è l’inizio del cosiddetto gioco simbolico. Ma il gioco simbolico non è solo un gioco. Si tratta di un’esperienza fondamentale per lo sviluppo cognitivo, sociale ed affettivo di tutti i bambini. Durante il gioco simbolico, il bambino si trova in una condizione speciale: può esplorare il mondo della fantasia, può confrontarsi con un numero infinito di situazioni e, in questo modo, allargare il suo campo di azione oltre il mondo che lo circonda. Ogni giorno il bambino potrà decidere di vivere nuove avventure, nuovi incontri, nuove sfide. E tramite queste esperienze potrà entrare in contatto con le proprie emozioni e con le proprie risorse. Imparerà così a conoscersi, ad esprimere le proprie potenzialità in una situazione protetta, perché nel gioco simbolico il bambino può sempre scegliere come va a finire. Il gioco diventa così una palestra di vita, ma anche un luogo speciale per la comunicazione e lo scambio affettivo tra il bambino e gli adulti che se ne prendono cura.

Come si sviluppa il gioco simbolico?

GIOCO IMITATIVO

Tra i 12 e i 18 mesi i bambini iniziano ad imitare piccole azioni che vedono intorno a loro: cullare, dare da mangiare, dormire, bere. Servono un adulto e oggetti reali da utilizzare.

Shutterstock




Leggi anche:
Il bambino nel primo anno di vita ha davvero bisogno di giocattoli?

GIOCO PARALLELO

Dai 2 anni i bambini iniziano a creare piccole storie: cucinare, parlare al telefono, pulire con la scopa. Spesso i giochi sono fatti alla presenza di altri bambini, ma senza una reale collaborazione. In questo stesso periodo, insieme al gioco simbolico, esplode anche il linguaggio.

Shutterstock

Dai 3 anni in poi le trame del gioco diventano sempre più lunghe e complesse. I bambini amano travestirsi e diventare i protagonisti delle loro storie, oppure iniziano ad utilizzare pupazzi o personaggi per metterle in scena. Il materiale di gioco è utilizzato in modo sempre più simbolico no a non aver bisogno quasi di nulla per poter inventare personaggi e storie. Il gioco diventa l’attività principale del bambino. Il bambino riesce a giocare a lungo da solo o con altri bambini, creando delle vere relazioni.

Shutterstock


FAMILY GAMES

Leggi anche:
Giocare in famiglia è più importante di quello che pensate

Tags:
bambinigiocosviluppo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni