Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il medico che ha dato un’ultima prescrizione mentre stava per essere giustiziato

MARIANO MULLERAT I SOLDEVIA
Condividi

Ha vissuto offrendo assistenza medica a poveri e bisognosi, ed ecco come si è incamminato verso la morte

Si chiamava Mariano Mullerat I Soldevila ed era nato il 24 marzo 1897 a Tarragona, in Spagna. Era il sesto di sette figli, e i suoi genitori, Ramon Mullerat e la moglie Bonaventura, erano devoti cattolici. Mariano venne battezzato il 30 marzo, pochi giorni dopo la nascita.

Alle scuole elementari mostrò grandi capacità, e nel 1910 venne mandato alla scuola di San Pietro Apostolo di Reus, non lontano da casa. Nel 1914 entrò all’Università di Barcellona e iniziò a studiare Medicina, laureandosi nel 1921.

Nel 1922 il giovane medico sposò una ragazza che aveva conosciuto mentre studiava, Dolors Sans I Bove. Il matrimonio venne celebrato ad Arbeca, dove si stabilirono. Il dottor Mullerat aprì il suo studio e iniziò a viaggiare nelle città vicine per assistere gratuitamente i poveri. Incoraggiava chi era allettato e gravemente malato a ricevere i sacramenti il più spesso possibile, e si assicurava che queste persone avessero il cibo e i medicinali necessari.

Negli anni successivi, Mariano e Dolors ebbero cinque figlie, anche se la prima morì poco dopo la nascita, nel gennaio 1923. Nello stesso anno Mariano fondò il quotidiano L’Ecut. La sua fede cattolica era forte e salda, e usava la pubblicazione per difendere la fede contro l’ondata di secolarismo che stava travolgendo la Spagna. Il giornale pubblicava anche poesie e articoli di interesse sociale, e promuoveva gli eventi culturali locali. Nel 1926 la pubblicazione fu sospesa.

Nel 1924 il dottor Mullerat venne eletto sindaco di Arbeca, rimanendo in carica fino al 1930. Mentre era sindaco la cittadina si trasformò. Al Sacro Cuore di Gesù venne dato un posto d’onore nel Municipio, e il clero e la Chiesa venivano difesi dall’amministrazione.

In quel periodo non smise mai di dare assistenza e qualsiasi altro aiuto potesse a poveri ed emarginati. Il suo spirito di fede fu sempre evidente nelle sue azioni, nelle parole e nel comportamento, e dava un ottimo esempio a tutti coloro che entravano in contatto con lui.

La Seconda Repubblica Spagnola andò al potere nel 1931, e la rivoluzione si diffuse nel Paese. Nel 1934 la violenza raggiunse Arturia, una provincia vicino a Tarragona. Il dottor Mullerat sapeva che presto avrebbe bussato alla porta di Arbeca. Nell’arco di due anni, a Barcellona chiese e altri luoghi religiosi venivano distrutti e dati alle fiamme. Nel luglio 1936 sacerdoti, religiosi e laici venivano uccisi a Tarragona e Lérida. I soldati governativi arrivarono ad Arbeca agli inizi di agosto.

Alcune persone vicine al dottor Mullerat gli suggerirono di lasciare la Spagna, ma rifiutò. Gli venne anche offerto di fuggire a Saragozza, dove sarebbe stato al sicuro, ma ancora una volta non volle. Credeva di dover realizzare la sua missione di aiuto ai bisognosi. Pieno di fede e non temendo di affrontare il pericolo, disse che era necessario lì dov’era.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.