Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconChiesa
line break icon

Solo per “motivi igienici”. Ecco perché il Papa ha rifiutato il baciamano a Loreto 

CTV

Papa Francesco e il baciamano dei fedeli a Loreto, 25 marzo 2019.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/03/19

Il direttore della Sala Stampa Vaticana ha chiarito il "mistero"

Svelato il “mistero”. Si è tanto discusso per il video diventato virale in cui Papa Francesco evita che i fedeli gli bacino la mano nella cattedrale di Loreto.

Inizialmente, nota TgCom (28 marzo) si è detto che il Pontefice non voleva che gli si baciasse l’anello. Ma in realtà il motivo è un altro.

E lo ha spiegato Alessandro Gisotti, direttore della Sala Stampa Vaticana: «Il Papa mi ha detto che il motivo per cui non faceva fare il baciamo a Loreto è per igiene. Non per lui, ma per evitare il contagio quando ci sono lunghe file di persone. A lui – conclude Gisotti – piace abbracciare la gente».

La motivazione “ufficiale”

Gisotti ha pure replicato alle contestazioni dell’ala conservatrice secondo le quali si tratta di una mancanza di rispetto per una tradizione: «Questo non avviene quando a baciargli la mano è una o poche persone, come si è visto anche in situazioni recenti» (La Repubblica, 28 marzo).

Il bacio dell’anello

In realtà, il protocollo prevede che non si baci la mano, ma l’anello, il cosiddetto “anello piscatorio”, su cui è effigiato il “pescatore di uomini” per eccellenza, il primo pontefice San Pietro e che è il simbolo della dignità papale.

Per secoli, l’anello piscatorio era di oro massiccio, ma Francesco lo ha rifiutato. In genere, infatti, alla morte di un Papa l’anello viene rotto con un martello e poi fuso per creare l’anello per il successivo pontefice. Il suo rifiuto del baciamano sembrava essere un altro strappo alle regole, ma così non è stato (FanPage, 28 marzo).




Leggi anche:
Papa Francesco e i baci schivati: una riflessione

Tags:
loretopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni