Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non si sa dove (e quando) seppellire il migrante. La chiesa si offre “volontaria”

Condividi

L’assurda vicenda di Eric, 32 anni ghanese, morto di leucemia a Rosarno. Il parroco: se ci autorizzano lo seppelliamo nella cappella della parrocchia

Eric aveva 32 anni. Era un immigrato ghanese con permesso di soggiorno umanitario, che viveva da dodici anni a Rosarno, da sette nella baraccopoli di San Ferdinando, a poche centinaia di metri dall’enorme inceneritore di Gioia Tauro. La sua storia la racconta Avvenire (25 febbraio).

Lavorava come bracciante nei campi della Piana, a raccogliere agrumi e kiwi. Piccoli contratti, ma importanti per lui, che inviava i soldi alla giovane moglie rimasta in Ghana. Ha lavorato tanto, fino a quattro mesi fa quando sono comparsi i primi sintomi della malattia.

@DR
Migranti

La casetta

Solo allora era riuscito a trovare una casetta, poco più di una catapecchia, non lontano dalla baraccopoli. «Abbiamo cercato una casa in affitto per lui ma nessuno ce l’ha data», denuncia sempre ad Avvenire don Roberto Meduri, parroco di Sant’Antonio in contrada ‘Il bosco’ di Rosarno, da tanti anni al fianco dei migranti.

Preghiere in baracca

Eric, anche se di fede cristiana avventista, frequentava la parrocchia locale. «Veniva spesso – dice ancora don Roberto – e altre volte lui e i suoi amici mi hanno invitato a pregare con loro nella baracca che utilizzavano come luogo di culto».

La sepoltura

Ora il suo corpo attende una degna sepoltura. E tanti hanno aperto il loro cuore. Non le istituzioni. Un negoziante ha regalato un abito, la ditta di onoranze funebri ha fatto un forte sconto per bara e trasporto. Ma ancora non si sa quando potrà essere sepolto.

L’ultimo e amaro capitolo della sua breve vita da sfruttato, emarginato, scartato. «Se ci autorizzeranno lo seppelliremo nella cappella della parrocchia, dove già ci sono altri immigrati», dice don Roberto. Ancora una volta è solo la Chiesa ad aprire le sue porte.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni