Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
News

Non si sa dove (e quando) seppellire il migrante. La chiesa si offre "volontaria"

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/02/19

L'assurda vicenda di Eric, 32 anni ghanese, morto di leucemia a Rosarno. Il parroco: se ci autorizzano lo seppelliamo nella cappella della parrocchia

Eric aveva 32 anni. Era un immigrato ghanese con permesso di soggiorno umanitario, che viveva da dodici anni a Rosarno, da sette nella baraccopoli di San Ferdinando, a poche centinaia di metri dall’enorme inceneritore di Gioia Tauro. La sua storia la racconta Avvenire (25 febbraio).

Lavorava come bracciante nei campi della Piana, a raccogliere agrumi e kiwi. Piccoli contratti, ma importanti per lui, che inviava i soldi alla giovane moglie rimasta in Ghana. Ha lavorato tanto, fino a quattro mesi fa quando sono comparsi i primi sintomi della malattia.

@DR
Migranti

La casetta

Solo allora era riuscito a trovare una casetta, poco più di una catapecchia, non lontano dalla baraccopoli. «Abbiamo cercato una casa in affitto per lui ma nessuno ce l’ha data», denuncia sempre ad Avveniredon Roberto Meduri, parroco di Sant’Antonio in contrada ‘Il bosco’ di Rosarno, da tanti anni al fianco dei migranti.

Preghiere in baracca

Eric, anche se di fede cristiana avventista, frequentava la parrocchia locale. «Veniva spesso – dice ancora don Roberto – e altre volte lui e i suoi amici mi hanno invitato a pregare con loro nella baracca che utilizzavano come luogo di culto».




Leggi anche:
Minacce, fango, ricatti. Questa è la sorte che tocca ad un parroco che aiuta i migranti

La sepoltura

Ora il suo corpo attende una degna sepoltura. E tanti hanno aperto il loro cuore. Non le istituzioni. Un negoziante ha regalato un abito, la ditta di onoranze funebri ha fatto un forte sconto per bara e trasporto. Ma ancora non si sa quando potrà essere sepolto.

L’ultimo e amaro capitolo della sua breve vita da sfruttato, emarginato, scartato. «Se ci autorizzeranno lo seppelliremo nella cappella della parrocchia, dove già ci sono altri immigrati», dice don Roberto. Ancora una volta è solo la Chiesa ad aprire le sue porte.




Leggi anche:
Il Papa e quelle corone d’alloro in mare per i migranti morti

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
migrantimigranti africani
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni