Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il periodo pre-quaresimale tradizionale inizia con la Septuagesima

QUARESIMA CROCE VELATA
Corinne Simon I Ciric
Condividi

Per molti secoli, i cattolici hanno celebrato una stagione penitenziale speciale concentrandosi su un aspetto spirituale specifico

Oltre alla Quaresima, che inizia 40 giorni prima della Pasqua, i cattolici osservavano tradizionalmente un periodo “pre-quaresimale” che inizia con quella che è definita Septuagesima.

Questa tradizione liturgica deriva dal termine latino che significa “settantesima” (70 giorni prima della Pasqua), e inizia la nona domenica prima di Pasqua. Viene classificato come un periodo “pre-pasquale” ed è incluso nel ciclo orientale del calendario liturgico usato dalla Messa latina tradizionale e dalle comunità dell’Ordinariato.

La pratica risale almeno all’VIII secolo, e viene celebrata nelle tre domeniche che precedono l’inizio della Quaresima, chiamate Septuagesima, Sexagesima e Quinquagesima, dal latino a indicare il 70°, il 60° e il 50° giorno prima della Pasqua, nell’antico costume di contare una settimana come se fosse composta da 10 giorni.

Secondo il classico devozionale medievale Legenda Aurea, una delle ragioni della Septuagesima è quello di commemorare “i 70 anni che i figli di Israele hanno trascorso in cattività a Babilonia, quando hanno appeso le loro cetre dicendo: ‘Come cantare i canti del Signore in terra straniera?’”

“L’epoca della cattività e dell’esilio dei figli di Israele rappresenta anche il tempo del nostro pellegrinaggio”.

In questo periodo, l’anima deve “lavorare nella vigna dell’anima, potando vizi e peccati; nella corsa della vita presente deve correre compiendo opere di penitenza, e deve poi lottare lealmente contro tutte le prove del demonio. Se seguirà questa prescrizione riceverà una triplice ricompensa, perché il lavoratore riceverà il salario giornaliero, chi corre il premio e chi lotta la corona”.

Se questo periodo speciale pre-quaresimale non compare più nel calendario generale della forma ordinaria, dovrebbe fungere da segnale d’allarme per la Quaresima imminente, esortandoci a preparare il nostro cuore per questo importante periodo dell’anno liturgico.

In questo mondo siamo in esilio spirituale, e la Quaresima ci esorta a impiegare tutta la nostra energia per tornare a Dio con tutto il nostro cuore.

Tags:
quaresima
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni