Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il segreto dei veri successi della tua vita

STRONG
Condividi

Non sono io che trionfo, ma Dio in me

La fecondità è di Dio, non è mia. E non riesco a far sì che l’albero dia frutto. Non riesco a far riempire le mie reti di pesci. L’abbondanza viene da Dio, non da me.

I successi nella mia vita hanno bisogno del mio “Sì” e della grazia di Dio che benedice il mio sforzo: “Presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare”.

Vedere la vita così mi dà molta più pace. Vedo quello che non è frutto diretto del mio sforzo,ma di Dio. Vedo il potere di Gesù che agisce nella mia povertà, nei miei limiti. Non sono io che trionfo, ma Dio in me.

Ma non sempre ottengo ciò che sogno, e spesso la pesca è infruttuosa. Tante volte per colpa mia. È frutto del mio peccato.

E allora mi sento come Pietro. Mi vedo peccatore e indegno. Le sue parole sono spesso le mie: “Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: ‘Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore’”.

Quando vedo il mio peccato, la mia debolezza, la mia povertà, temo e mi allontano da Dio. Vedo i suoi miracoli nella mia vita e non credo di avere diritto a tutto ciò che ricevo.

Tutto è dono, è grazia immeritata. E non sono degno perché sono impuro e pecco. Non voglio stare con Lui perché mi sento indegno. Posso capirlo con la ragione, ma il mio cuore si ribella.

So molto bene che Gesù non mi chiama perché sono puro e immacolato. Gesù non cerca chi è degno. Ma anche così mi costa accettarlo con il cuore. Non capisco come mi possa amare se non faccio tutto bene.

Egli conosce i miei limiti e anche il potere della mia vita. Sa che non sfrutto tutto ciò che è in me. E mi chiede di credere nel potere infinito delle mie forze.

Mi esorta a seguirlo e a confidare. Mi ama perché crede in me, non perché io sia perfetto. Crede nel potere nascosto dentro di me. Vuole che confidi in me stesso.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni