Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come si sono incontrati Maria e Giuseppe?

MARY AND JOSEPH
Condividi

Si sono innamorati?

Nel mondo antico, il matrimonio era piuttosto diverso da quello che è oggi. In genere non si aveva il privilegio di scegliere il futuro sposo, e la cultura ebraica non faceva eccezione al riguardo.

Nella tradizione ebraica, un sensale aiutava a suggerire uno sposo per una ragazza che aveva raggiunto l’età per sposarsi. La decisione finale spettava a Dio attraverso la preghiera, ed era raro che la decisione venisse lasciata alla giovane coppia.

È probabile che sia accaduto lo stesso anche alla Vergine Maria e a San Giuseppe.

Varie tradizioni sostengono che Giuseppe fosse un vedovo di età avanzata, mentre altre affermano che si trattava di un giovane robusto. In ogni caso, c’è un passo del Protovangelo di Giacomo (un “Vangelo” non canonico che ha mantenuto alcune tradizioni orali) che offre una spiegazione su come sia avvenuto l’incontro tra i due.

Si dice che la Vergine Maria venne affidata al Tempio in giovane età, e che quando raggiunse la pubertà si iniziò a cercare un marito adatto a lei.

Indossato il manto dai dodici sonagli, il sommo sacerdote entrò nel santo dei santi e pregò a riguardo di Maria. Ed ecco che gli apparve un angelo del Signore, dicendogli: “Zaccaria, Zaccaria! Esci e raduna tutti i vedovi del popolo. Ognuno porti un bastone: sarà la moglie di colui che il Signore designerà per mezzo di un segno”. Uscirono i banditori per tutta la regione della Giudea, echeggiò la tromba del Signore e tutti corsero.

Gettata l’ascia, Giuseppe uscì per raggiungerli. Riunitisi, andarono dal sommo sacerdote, portando i bastoni. Presi i bastoni di tutti, entrò nel tempio a pregare. Finita la preghiera, prese i bastoni, uscì e li restituì loro; ma in essi non v’era alcun segno. Giuseppe prese l’ultimo bastone: ed ecco che una colomba uscì dal suo bastone e volò sul capo di Giuseppe. Il sacerdote disse allora a Giuseppe: “Tu sei stato eletto a ricevere in custodia la vergine del Signore”. [2] Ma Giuseppe si oppose, dicendo: “Ho figli e sono vecchio, mentre lei è una ragazza. Non vorrei diventare oggetto di scherno per i figli di Israele”. Il sacerdote però rispose a Giuseppe: “Temi il Signore tuo Dio, e ricorda che cosa ha fatto Dio a Datan, a Abiron e a Core, come si sia spaccata la terra e siano stati inghiottiti a causa della loro opposizione. Ora, temi, Giuseppe, che non debba accadere altrettanto in casa tua”. Giuseppe, intimorito, la ricevette in custodia. Giuseppe disse a Maria: “Ti ho ricevuta dal tempio del Signore e ora ti lascio in casa mia. Me ne vado a eseguire le mie costruzioni e dopo tornerò da te: il Signore ti custodirà”.

Esistono altri racconti simili, anche se sostituiscono Giuseppe anziano con un uomo più giovane.

Indipendentemente da questo, si dice che Dio abbia scelto Giuseppe come marito di Maria, sapendo che era un “uomo giusto”, degno di proteggere la nuova “arca dell’alleanza” che avrebbe portato dentro di sé il Salvatore del mondo.

Se in base alle nostre sensibilità moderne quello tra Maria e Giuseppe può non essere stato un incontro romantico, è stato comunque provvidenziale, e i due sono cresciuti nell’amore reciproco, creando uno splendido ambiente in cui allevare il bambino Gesù.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.