Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La preghiera “irresistibile” di Padre Pio

PIO
Condividi

Da recitare quando le tempeste si abbattono più fortemente e più violentemente sulle nostre vite.

Padre Pio ha ricevuto da Dio grandi doni, doni preziosi che gli conferivano l’arte di discernere e scuotere le coscienze di tutti quelli che gli si avvicinavano. Le migliaia di lettere scritte di suo pugno, che servivano da guida alle persone da lui seguite personalmente, i consigli dispensati a migliaia alla fine degli incontri, delle omelie, di scambi personali, di visioni di Gesù, della Vergine Maria, dell’angelo custode… sono fonti di sapienza concreta e di grande utilità, come un ponte fra cielo e terra.

Leggi anche: Una presunta bilocazione di Padre Pio davanti ai fedeli di Tortoreto Lido

Ma soprattutto, il cappuccino era avido di preghiere all’altare, al confessionale, nella cella, giorno e notte – a Gesù, alla Vergine Maria, all’angelo custode – esortando i fedeli a fare lo stesso per diventare cristiani migliori. In particolare, ce n’è una irresistibile. Del resto va recitata quando le tempeste si abbattono più violentemente sulle nostre vite, quando la croce che si porta sulle spalle si fa sempre più pesante.

Leggi anche: Padre Pio a una donna: “tu non l’hai l’avvucato a lu paese tuo?”. Parlava di San Michele

Questa preghiera è definita “irresistibile” perché si fonda su tre solenni promesse del Signore, riportate nel Vangelo. Quel che consigliava a tutti, padre Pio l’ha vissuto per primo con una pietà fuori dal comune. Egli la recitava tutti i giorni per tutti quelli che si raccomandavano alle sue preghiere. Detta da lui e ora recitata da noi, il sacro cuore di Gesù – al quale questa preghiera s’indirizza – non potrà che restarne toccato:

O mio Gesù, che hai detto: «In verità vi dico, chiedete e riceverete, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto». Ecco che io busso, io cerco, io chiedo la grazia…

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre. Sacro Cuore di Gesù, confido e spero in te.

O mio Gesù, che hai detto: «In verità vi dico, tutto quello che chiederete al Padre mio nel mio nome, ve lo concederà». Ecco che al Padre tuo, nel tuo nome, io chiedo la grazia…

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre. Sacro Cuore di Gesù, confido e spero in te.

O mio Gesù, che hai detto: «In verità vi dico, il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno». Ecco che, appoggiato all’infallibilità delle tue sante parole, io chiedo la grazia…

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre. Sacro Cuore di Gesù, confido e spero in te.

O Sacro Cuore di Gesù, cui è impossibile non aver compassione degli infelici, abbi pietà di noi, poveri peccatori, e concedici la grazia che ti domandiamo per intercessione del Cuore Immacolato di Maria, tua e nostra tenera Madre.

San Giuseppe, padre putativo del Sacro Cuore di Gesù, prega per noi. Salve Regina.

E – per dirla con Padre Pio – ricordatevi che Dio mantiene sempre le sue promesse. Recitare ogni giorno questa preghiera significa dirgli, ogni giorno, che crediamo alle sue promesse e che vogliamo che le compia.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.