Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Suor Maria della Trinità: il suo colloquio interiore un affaccio sull’abisso della misericordia

Clarisse Gerusalemme
Suor Maria della Trinità
Condividi

Un'opera che continua a raggiungere molte anime. Che non dice cose inaudite se non le stesse che risuonano nel Vangelo e nell'intimo di ognuno di noi. Solo che spesso non sappiamo ascoltare

Suor Maria della Trinità è stata una clarissa e ha vissuto la sua vita di consacrata nel Monastero delle Clarisse a Gerusalemme, lo stesso dove 40 anni prima anche il beato Charles de Foucauld trascorse diversi mesi in preghiera, da eremita, nel giardino. Prima di cedere alla propria vocazione, si chiamava Luisa Jacques.

Dopo, in obbedienza alla Voce interiore che risuonerà in lei, diventerà un piccolo seme nel giardino della Chiesa. La sua figura e i suoi scritti continuano a diffondersi in tutto il mondo. L’opera per la quale è conosciuta, Colloquio interiore per le Edizioni Terra Santa, è giunta già alla decima edizione.

Cercherò di tracciarvi un breve profilo biografico prima di invitarvi ad assistere al dialogo continuo, intenso che Suor Maria intrattiene col Signore. Quella che ho in mano io è la nona edizione dell’opera e vanta la prefazione di Hans Urs von Balthasar all’edizione francese è seguita da una lettera del Patriarca latino di Gerusalemme, Monsignor Luigi Barlassina.

Molto Reverendo Padre,

leggendo attentamente il manoscritto di questo libro prima di autorizzarne la pubblicazione ho dovuto ammirare il lavoro meraviglioso della grazia in un’anima.

Lavoro progressivo che anzitutto rimuove gli ostacoli, indi traccia le grandi linee e conduce, infine, verso le cime elevate della perfezione. (…)

In sostanza Dio non domanda nulla di veramente straordinario a Suor Maria della Trinità: nondimeno, Egli volle da lei una fedele corrispondenza alle sue sante ispirazioni, e la generosità di nulla rifiutargli di quei piccoli sacrifici che si presentano lungo la giornata.

Suor Maria della Trinità è una privilegiata? Sì e no. Lo dice Gesù stesso: ad ognuno Lui parla. Nel silenzio, nella preghiera, nei sacramenti e nel prossimo. Ma noi lo ascoltiamo? Lui quasi se ne dispera, è l’unica arsura che resta a seccargli la gola fino alla fine dei tempi. Ma queste sono considerazioni mie, a margine. Partiamo dall’inizio.

Cenni biografici di Suor Maria della Trinità, al secolo Louise Jacques

Nasce a Pretoria in Sudafrica, nel Transvaal il 26 aprile del 1901. Ultima di quattro figli rimane orfana venendo alla luce; la madre, missionaria protestante svizzera come il papà, morirà partorendola. Era “la donna che pregava” a detta degli anziani neri che la piccola Luisa interrogò appena poté per sapere qualcosa della mamma. Più tardi il padre rivelerà che quella bimba era stata offerta prima della sua stessa nascita. Speravano in un secondo maschio dopo il primogenito Alessandro ma “la ameremo ugualmente” dirà la madre poco prima di spirare.

Luisa è privata della tenerezza materna e anche di quella del papà per un involontario abbandono. La grande tristezza per la morte della moglie oscurerà nei primi cruciali tempi della sua vita la gioia. La culla è troppo vicina alla bara e spesso nel corso degli anni le verrà imputata dai fratelli la sua stessa venuta al mondo come una colpa, sebbene inconsapevolmente. Così riconoscerà dopo la sua morte la sorella Alice.

Sarà educata in Svizzera con il fratello e le sorelle dalla zia, anche lei di nome Alice, sorella della madre. Il papà tornerà dopo un periodo di congedo nella missione in Sudafrica.

La sua salute è molto fragile all’opposto del suo carattere deciso e nobile, tutta orientata agli altri e per nulla superficiale.

Le vicende si susseguono, la vita la porterà lontana dai propri cari e vicina a relazioni che la lasceranno profondamente delusa anzi desolata. Sul sito delle Clarisse di Gerusalemme che custodiscono le sue spoglie e mantengono vivida la sua memoria leggiamo:

le ripetute delusioni nel lavoro, la relazione fallita con un uomo sposato e la grande solitudine dovuta alla lontananza dai familiari tanto amati la conducono a venticinque anni a non comprendere piú il senso della vita e a pronunciare quell’amara sentenza: “Dio non c’è”. Ma fu proprio in quella notte che “nella disperazione era entrata una luce”: la percezione di una presenza che la visitava, di “una religiosa vestita di bruno scuro con una corda come cintura”. Da quel momento nacque in lei un’“attrazione irresistibile” verso il chiostro e il desiderio ardente di ricevere l’Eucaristia. Iniziò così il cammino che la condusse a diventare figlia della Chiesa cattolica.

Il primo incontro con il carisma clariano è un vero coupe de theatre come solo il Signore sa fare: arriva una visione di giovane donna, trafelatissima, in abito da clarissa, forse la stessa Santa fondatrice? che si pone in piedi in fondo al letto di Luisa Jaques per un’intera notte, senza dirle nulla. Era la notte tra il 13 e il 14 febbraio 1926. Ed era la risposta alla sua disperazione esistenziale. Dio esiste eccome. E la tua vita ha un senso smisurato.

Muore a 41 anni, il 25 giugno del 1942 dopo una febbre dovuta alla tisi che la tormentava da anni.

Per Suor Maria della Trinità il maestro interiore si fa sentire distintamente

La parte emersa della sua vita spirituale terrena si compie in soli 4 anni, a ridosso della morte, alla quale giunge offrendosi vittima. Ma tutto il cammino e il vagare e le lotte inutili, tutto l’ha condotta al Signore. Gesù, del quale sente distintamente la voce interiormente, l’ha cercata indefessamente e ha tessuto la sua anima come un telo prezioso e robusto, un telo umile nascosto e  segretamente utile all’opera di salvezza delle anime.

“Tu stessa dovevi, da sola, spogliandoti di te, scoprire la mia Voce”. In obbedienza al suo padre spirituale scrive questi suoi “Appunti” – ció che la Voce le suggeriva, piccole gocce di sapienza evangelica – che, insieme al “Racconto della conversione e vocazione” vengono pubblicati e tradotti in cinque lingue (ed. it.  Suor Maria della Trinità, “Colloquio interiore”, Franciscan Printing Press, Gerusalemme, 9^ ed. 2004). (Ib.)

Niente di nuovo, tutto di nuovo. Dio compie in noi meraviglie, Dio sceglie e ama ogni singola anima con un’intensità impensabile. Freme dal desiderio di riempirci di grazie, di riempirci di Lui e patisce il non essere ascoltato. Per essere riempita l’anima deve prima spogliarsi, completamente. Suor Maria lo fa, se lo lascia fare e ascolta la voce di Gesù con attenzione di vera figlia. Così, grazie anche a lei, anche noi possiamo di nuovo mettere mano al solo lavoro che conti. Buttare le cianfrusaglie, fare ordine, spazio e silenzio in noi e metterci a sentire con tutte e due le orecchie e l’intero cuore ciò che Gesù voglia da noi, ciò che Cristo stesso intenda fare di noi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.