Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconFor Her
line break icon

Rissa tra mamme alla recita di Natale in una scuola elementare a Gela (VIDEO)

RISSA DONNE

Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 18/12/18

Quando si dice che l'esempio è la più alta forma di educazione! Conviene correre ai ripari, o almeno a distanza di sicurezza da queste due manesche signore. Signore...

Questi giorni, che dovrebbero essere scanditi dalla Novena di Natale non meno che dalla corsa ai regali che cerchiamo di non rendere troppo concitata, sono segnati anche per genitori e nonni dal susseguirsi di reciteconcertisaggi scolastici...
Ecco che in un caso (sospetto non sia l’unico, ma questo è ben documentato ed è finito con l’arrivo di due volanti della polizia!) la faccenda è degenerata.




Leggi anche:
Smartphone e tablet, “eroina digitale” per i nostri figli?

Eppure il mezzo (il telefonino) giustifica il fine (girare video a tutti i costi. Tutti), in questo mondo un po’ al contrario.

Vuoi non sgomitare per accaparrarti il posto migliore dal quale riprendere con lo smartphone il tuo bimbo che magari ha ottenuto una parte da protagonista? Che so magari è il capo degli angioletti oppure fa Gesù, nientemeno. O il boss dei pastorelli, va’ a sapere.

Aggiungendo certo un po’ di imbarazzo a tuo figlio e togliendogli anche il conforto di un sorriso con contatto visivo e non schermato da quell’accidenti di telefono? Ma qui purtroppo non si sono limitate ad occhiatacce, risposte gelide. No, qui si sono fatti parecchio male e probabilmente il danno morale correlato è incalcolabile. Quante ore di psicoterapia ci vorranno a questi bambini per superare il trauma?

Sembra che abbiano aperto le chat!

Una volta si diceva “le gabbie” ma ora i luoghi chiusi e visibili nei quali si trovano a stretto contatto esemplari della stessa specie particolarmente rissosi sono i famigerati gruppi Wathsapp; ci abbiamo riso su spesso, no? Ci è capitato di uscire alla chetichella dall’ennesimo sottogruppo per la decisione sul regalo da fare alla maestra; o di impostare su Silenzioso quello più partecipato e loquace, o di dividerci ai dadi col marito le chat delle attività extrascolastiche. E’ altamente probabile che lo stress da prove generali, preparativi, ricerca dei regali abbia ulteriormente scaldato gli animi già focosi in questi ultimi giorni; però non esistono scuse per quello che è successo in una scuola, solo diagnosi, temo.


DONNA, RABBIA, SOLA

Leggi anche:
Ora esiste la stanza della rabbia: entri e spacchi tutto. Sfogarsi basta?

I fatti: rissa tra mamme, si aggiungono i mariti. Arrivano le forze dell’ordine

A Gela  ieri, il 17 dicembre, due mamme con i bambini alla scuola elementare di contrada “Albani Roccella”, si sono letteralmente prese a calci, pugni e spintoni. Una signora viene buttata a terra; ma la prima a cadere a terra travolta dagli adulti è una bambina! Per fortuna viene prontamente sollevata di peso e allontana dal teatro di guerra. Si vedono sedie a terra, urla, movimenti bruschi. I bambini in lacrime. Che desolazione. Avranno provato paura di sicuro ma è probabile anche delusione e vergogna. Non potete voi adulti farci questo…! Quella non è mia madre!

La crisi educativa è degli adulti, non c’è dubbio. Non sempre, non tutti, bando alle generalizzazioni ma insomma la statistica temo ci verrebbe in soccorso: casi di prepotenza, maleducazione e vero vandalismo spesso riguardano i genitori prima che i ragazzini. Torniamo al triste episodio, che quasi ridere ma con amarezza: la rissa si allarga ai mariti e si sposta nel parcheggio. Fino all’arrivo delle forze dell’ordine.

Nemmeno l’aria natalizia e l’ambiente scolastico in cui si trovavano sono riusciti a indurle alla calma, mentre gli scolari sul palco vestiti da angioletti e da personaggi del presepe piangevano terrorizzati. (Ansa, 17 dicembre)

Pare che le due donne non fossero nuove a questo tipo di scambio di vedute. Si erano già scontrate, sebbene limitandosi ad insulti diretti fino ai primi due gradi di parentela dell’antagonista, in un’altra occasione: durante il progetto sulla gentilezza!
Scherzo. Spero.




Leggi anche:
Dall’emergenza educativa all’allarme educativo

Tags:
educazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni