Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Festa dei Sette Pesci, una tradizione italo-americana

FEAST OF SEVEN FISHES
Shutterstock
Condividi

La Vigilia di Natale ci si astiene dalla carne

Ogni anno, alla Vigilia di Natale, molte famiglie degli Stati Uniti si riuniscono per la Festa dei Sette Pesci. Anche se non si sa esattamente quando sia diventata popolare in America, è considerata una delle tradizioni italiane più popolari della Nazione.

La Festa dei Sette Pesci è un grande pasto con sette portate e molte specie diverse di pesci per deliziare il nostro palato. In genere ogni portata è a base di un tipo di pesce diverso, o possono esserci vari piatti realizzati con due o più pesci.

Anche se la tradizione proviene dall’Italia meridionale, molti da quelle parti non ne hanno mai sentito parlare. Gli italiani la chiamano con un altro nome, “La Vigilia”, visto che ha luogo la Vigilia di Natale. La pratica di mangiare pesce la Vigilia di Natale deriva dal costume cattolico di astenersi dalla carne la vigilia di un giorno festivo.

Non è neanche chiaro quando sia stato stabilito il numero sette. Nella tradizione italiana non si contano i pesci usati, né i piatti che compongono. In America non è insolito vedere fino a 13 varietà di pesci.

Se alcune fonti suggeriscono che siano stati i ristoranti a sviluppare la tradizione dei sette pesci, si adatta bene all’occasione, visto che il numero 7 è importante per il cattolicesimo e significa la totalità di perfezione e completezza. Il 7 è menzionato più di 700 volte nella Bibbia, e si ritrova nei numeri della settimana, nei sacramenti e in molti segni del libro dell’Apocalisse: sette chiese, sette sigilli, sette ciotole, sette trombe, sette tuoni e sette spiriti.

Il numero 7 simboleggia anche l’Incarnazione. Tradizionalmente il numero per la divinità è 3 (la Trinità), e il numero associato alla terra è 4 (i quattro angoli della Terra). Quando si aggiunge la divinità della Trinità alla Terra, ci ritroviamo con il numero sette e un Salvatore.

Quale modo migliore per festeggiare la nascita di Gesù Cristo che con un pasto di famiglia che non solo riflette la venuta di Nostro Signore, ma fa anche presagire il suo pasto di resurrezione con gli apostoli sulle rive del Mare di Galilea?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni