Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Rapporti prematrimoniali: ecco come parlarne ai nostri figli

RAGAZZO, RAGAZZA, AMORE
Shutterstock
Condividi

Cosa è un rapporto sessuale se non il dono più prezioso che ognuno di noi fa alla persona amata?

di Agnese Messina

Non so quante di voi si trovano a dover rispondere a domande in merito ai metodi naturali e a tutto quello che ruota attorno all’argomento, io molto spesso.

All’inizio erano solo i corsi prematrimoniali, poi anche quelli per fidanzati, poi nelle scuole ed in parrocchia con i ragazzi, ultimamente anche a casa.

I miei figli ci sentono parlare di metodi naturali sin da quando erano piccoli, preparavamo gli incontri e se ne parlava con loro presenti, sanno tutto (forse anche meglio di noi!) ma ora è arrivato per loro il momento di dover sostenere discussioni anche fuori casa. A volte mi chiedono articoli che parlino degli effetti dannosi della pillola, dei fallimenti dei preservativi, insomma vogliono gli strumenti per poter supportare le loro tesi.

Sempre più spesso mi arriva la proposta di invitare amici a casa a fare una chiacchierata, ed è proprio bello stare attorno al tavolo, mangiando una pizza, osservare questi giovani uomini e donne che cominciano ad esprimere le loro opinioni… Non hanno ancora diciotto anni e portano avanti le loro idee con veemenza, è un piacere sentirli parlare!

Il problema è che sono il registratore di quanto dice la società, parlano citando slogan! Quando si fa una domanda per suscitare una riflessione restano interdetti, eppure sono studenti del liceo, abituati a dover riflettere, studiano filosofia, ma quello che da diciassette anni ascoltano dalla televisione evidentemente è molto più incisivo nelle loro menti.

PARA W ŁÓŻKU
Shutterstock

La bellezza di questi incontri nasce proprio da questo: alla prima domanda capiscono subito che c’è dell’altro, che gli è stato mostrato solo un aspetto della questione e si comincia a discutere, e fanno domande e li vedi che ascoltano e riflettono, che mettono in discussione ogni cosa. Capiscono che c’è una bellezza più grande di quella che gli è stata mostrata e … non se ne vogliono più andare.

Provo a rispondere a questa prima domanda come se ne parlassi con loro.

Cosa è un rapporto sessuale se non il dono più prezioso che ognuno di noi fa alla persona amata? Quante volte si è sentito parlare del primo rapporto come della prova d’amore che il ragazzo chiede alla ragazza? E io mi chiedo perché bisogna dare una prova d’amore donando se stesse e non si può invece pretendere una prova d’amore chiedendo di essere rispettate?

Si comincia così, molto semplicemente, mettendo lì in maniera del tutto voluta ma apparentemente accidentale la parola dono, qualcosa di gratuito che ha perso senso per questi ragazzi che per ogni compleanno ricevono soldi, niente attesa, niente sorpresa, niente delusione, solo scambio di cose.

Ma loro capiscono che voglio andare oltre e parlare loro di un dono che è Mistero e che racconta di me che sono una Persona, sono un’anima ed un corpo, amo con tutta me stessa ed in modo diverso tutte le persone che fanno parte della mia vita. Amo i genitori, i fratelli, i nipoti, i nonni, gli amici, i figli e mio marito e lo dimostro a tutti ma in maniera diversa: per ognuno ho un linguaggio per esprimere il mio amore e se un giorno dovessi dimostrare a mio fratello il mio amore usando il linguaggio che normalmente riservo a mio marito ovviamente non sarebbe una cosa normale!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni