Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
San Pancrazio
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa rispondiamo al Signore che ci invita alla cena più inclusiva della storia?

TAVOLA APPARECCHIATA FESTA

Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 06/11/18

Quali scuse troviamo per rimandare l'impegno della nostra vita spirituale? Ma soprattutto quanto è davvero intenso il nostro desiderio di stare col Signore?

Uno dei commensali, avendo udito ciò, gli disse: «Beato chi mangerà il pane nel regno di Dio!». Gesù rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: Venite, è pronto.  Ma tutti, all’unanimità, cominciarono a scusarsi. Il primo disse: Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego, considerami giustificato. Un altro disse: Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego, considerami giustificato. Un altro disse: Ho preso moglie e perciò non posso venire. Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al padrone. Allora il padrone di casa, irritato, disse al servo: Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui poveri, storpi, ciechi e zoppi. Il servo disse: Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c’è ancora posto. Il padrone allora disse al servo: Esci per le strade e lungo le siepi, spingili a entrare, perché la mia casa si riempia. Perché vi dico: Nessuno di quegli uomini che erano stati invitati assaggerà la mia cena». (Dal Vengelo secondo Luca, 14, 15-24)

«Tutti insieme cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e ho necessità di andarlo a vedere; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho preso moglie, e perciò non posso venire”». L’elenco delle possibili scuse per cui lasciare da parte nella nostra vita la fede potrebbe essere infinito.

Ad esempio il Vangelo cita almeno due grandi filoni: quello delle cose (campi e buoi) e quello delle relazioni (moglie e famiglia). Ciascuno può ritrovarsi tranquillamente in uno di questi filoni di scuse se non addirittura in entrambi. Poi adesso si può anche aggiungere quello del cattivo esempio della Chiesa, dello scandalo dei preti, della brutta testimonianza di quelli che vanno sempre alla messa e così via. Insomma non c’è mai carestia nel regno delle scuse. Infatti tutto può diventare scusa per chi non vuole qualcosa. Allo stesso tempo non c’è scusa che tenga per chi in realtà vuole davvero qualcosa. C’è un adagio popolare che è pieno di saggezza, e che bisogna stare attenti a non fraintendere: “volere è potere”. Ciò non significa che basta volere qualcosa per poterlo anche fare, ma che certamente non c’è nessuna potenzialità dietro al rifiuto di volere qualcosa. Ora, ciascuno di noi ha molto spesso vite complicate: impegni a cui mantener fede, bambini da andare a riprendere, comunità da seguire, scadenze di bollette, controlli, obblighi, incombenze, riunioni. Ma la verità è che Cristo non può essere ridotto a un impegno in mezzo agli altri. È la logica di chi vuole bene a qualcuno, infatti nell’amore e nel bene si diventa sempre molto creativi pur di non rovinare o sprecare il bene. Molte persone che si amano strappano una telefonata, un messaggio, qualche minuto insieme durante la giornata pur di incontrarsi, di vedersi, o magari solo di sentirsi o di dirsi “mi manchi”. È così che dovrebbe essere la nostra vita spirituale: non un impegno da cui congedarsi ma una relazione in cui ingegnarsi. 

#dalvengelodelgiorno

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni