Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Puoi ottenere un’indulgenza plenaria al santuario di San Riccardo Pampuri

ŚWIĘTY RYSZARD PAMPURI
Condividi

La disposizione della Penitenzeria Apostolica: andate a Trivolzio e pregate per il santo medico che salvò la vita a tantissime persone

Indulgenza plenaria per chi, dal primo maggio 2019 al primo maggio 2020, si recherà in preghiera nella chiesa del comune di Trivolzio (Pavia), dove sono custodite le spoglie di San Riccardo Pampuri. Lo ha annunciato il 2 novembre la Diocesi di Pavia, attraverso il vescovo Corrado Sanguineti e don Paolo Serralessandri, parroco di Trivolzio, rendendo noto il decreto emanato lo scorso 27 ottobre dalla Penitenzieria Aspostolica del Vaticano (Avvenire, 2 novembre 2018).

Saint Richard Pampuri
Painter Josef Kneuttinger

Come ottenere l’indulgenza

La Penitenzieria Apostolica della Santa Sede ha precisato, nel decreto, che per acquisire l’indulgenza plenaria in occasione del «giubileo di San Riccardo», sarà necessario recarsi alla chiesa di Trivolzio alle condizioni indicate (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo l’intenzione del Sommo Pontefice) e partecipare «alle celebrazioni giubilari o sostare in adorazione davanti alle spoglie del Santo recitando la Preghiera del Signore, il Simbolo di Fede e alcune invocazioni alla Beata Vergine Maria e a San Riccardo Pampuri».

Anziani e ammalati

Anche «gli anziani, gli ammalati e tutti coloro che per grave causa sono impediti ad uscire di casa» potranno ottenere l’indulgenza «unendosi spiritualmente alle celebrazioni giubilari e offrendo i propri dolori e sofferenze a Dio misericordioso».

Il salvataggio dei medicinali

San Riccardo è stato un uomo eroico. Il suo vero nome è Erminio Pampuri. A 20 anni, è un soldato italiano impegnato a Caporetto, nel corso della prima guerra mondiale.

I suoi superiori lo ammirano, per la dedizione e il coraggio, e anche durante la “rotta” Pampuri si distingue con un’azione eroica: conducendo un carro tirato da una coppia di buoi, per 24 ore sotto la pioggia battente, mette in salvo il materiale sanitario che era stato abbandonato. Sa quanto saranno preziose quelle medicine, una volta finita quella sanguinosa ritirata (Aleteia, 17 ottobre 2017).

Il carico di cibo e vestiti a sue spese

Questa fatica gli procura una medaglia al valore e la pleurite che riuscirà a sconfiggere. Un eroe, ma anche un santo. Perché Erminio, decimo di undici figli, originario di Trivolzio (Pavia), dopo il liceo Manzoni a Milano e l’Università a Pavia, vivrà con grande fede sia la professione medica che quella religiosa.

Nel 1921, laureatosi in Medicina, va a Morimondo (Milano) come medico condotto. Fa parte dell’Azione cattolica, militante e dirigente. E lo si vede sempre in giro assai carico, perché oltre alla borsa professionale porta cibo, vestiti, coperte per gli ammalati poveri: roba in gran parte comprata con il suo stipendio; e per le spese personali ricorre alla zia Maria.

L’esempio della sorella

Ma vuole fare altro ancora: portare agli ammalati anche se stesso. D’altra parte, sua sorella Longina, missionaria francescana in Egitto, fa appunto questo. E lui ne segue l’esempio, entrando in quello che ufficialmente si chiama “Ordine ospitaliero di San Giovanni di Dio”, meglio noto come “Fatebenefratelli” (La Stampa, 1 maggio 2015).

Fra’ Riccardo

Il suo gesto suscita enorme scalpore e viene riportato anche dai giornali (“Un medico si fa frate” titola il Corriere della Sera il 20 agosto del 1927). Novizio nella casa religiosa di Brescia, prende il nome di fra’ Riccardo. All’ospedale dei Fatebenefratelli, vuol essere un umile frate ma presto viene chiamato a fare anche il medico.

La fama di santità

A 30 anni, già gode fama di santità, ma è di salute cagionevole. Forse un retaggio delle 24 ore di pioggia battente subite a Caporetto gli fa insorgere nuovamente la pleurite. Il 1° maggio 1930, all’inizio del mese della Madonna alla Quale aveva affidato fin da bambino gli studi, a 33 anni, muore (Askanews, 24 ottobre).

Verrà beatificato per le sue incredibili virtù da Giovanni Paolo II nel 1981 e diventerà santo il 4 ottobre 1989. Oggi riposa nella chiesa dei Santi Cornelio e Cipriano a Trivolzio (Pavia).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.