Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La storia incredibile della ricerca delle ossa di San Pietro

Alessia Giuliani | CPP
Papa Francesco bacia le reliquie dell'Apostolo Pietro sull'altare durante una Messa in Piazza San Pietro in Vaticano
Condividi

Addentrandosi nella storia della necropoli sotto il Vaticano, gli operai “viaggiavano indietro nel tempo”

Nel 1941, mentre le bombe cadevano su Londra, i carri armati tedeschi entravano in Russia e la maggior parte dell’Europa continentale era sotto il dominio dei nazisti o dei loro alleati, aveva luogo una delle più epiche ricerche archeologiche della storia.

Sotto la basilica di San Pietro, gli operai avevano avviato la ricerca delle ossa del primo Papa, che secondo la tradizione della Chiesa era stato martirizzato e sepolto proprio lì.

È iniziato tutto con un incidente.

Nel 1939, gli operai stavano scavando sotto il pavimento delle grotte accanto all’altare di San Pietro per fare spazio a una cappella in cui Papa Pio XI, defunto da poco, aveva chiesto di essere seppellito. All’improvviso il pavimento crollò, rivelando un’antica camera mortuaria romana con affreschi faunistici e la tomba di una giovane donna crisiana – il tutto nascosto alla vista per oltre un millennio.

Quando venne informato della scoperta, Papa Pio XII si trovò di fronte a una scelta: la tradizione della Chiesa sostiene che il primo Papa venne martirizzato e sepolto a Roma. Portare avanti gli scavi avrebbe potuto verificare quella tradizione, ma dall’altro lato il mancato ritrovamento dei resti sarebbe stato “profondamente inquietante” considerando lo status di Roma come sede del papato, come spiega John O’Neill nel suo libro recente The Fisherman’s Tomb, che racconta la storia della ricerca della tomba di San Pietro. Pio XII decise di osare per via della sua “fiducia incrollabile nel fatto che Pietro si trovasse lì” (il resoconto presentato in questa sede è basato sul libro di O’Neill).

Gli scavi iniziarono avvalendosi di un importante indizio sulla collocazione dei resti di San Pietro. Uno dei tesori della Biblioteca vaticana, il Libro dei Papi, di 1.500 anni fa, descriveva dettagliatamente il luogo in cui riposavano le ossa di Pietro – in un sarcofago bronzeo chiuso nel marmo e circondato da altri tesori. Un monumento noto come Trofeo di Gaio avrebbe dovuto indicare la sua esatta ubicazione.

Gli scavi hanno richiesto un grande lavoro e la costruzione di pilastri speciali per sostenere la basilica e gli altri edifici vaticani – quella che O’Neill descrive come “una delle strutture più grandi e pesanti della Terra”. Per ordine del Papa, i lavori dovevano essere condotti nella massima segretezza, e quindi era proibito l’uso di utensili elettrici. Il tutto è stato possibile grazie al sostegno finanziario di un petroliere texano, un devoto cattolico di nome George Strake, che ha contribuito a condizione di mantenere l’anonimato.

Man mano che gli operai si addentravano nella storia della necropoli sottostante il Vaticano, come ha affermato O’Neill “viaggiavano indietro nel tempo”. Eliminando i detriti è venuto alla luce il mondo dell’antica Roma. Sono state scoperte tombe di famiglia pagane, insieme a numerose statue e ad affreschi dell’eroe Ercole e del dio Plutone.

Fino a quel momento, gli operai si erano imbattuti in un unico riferimento a Pietro – un dipinto che raffigurava questi con Cristo insieme a un’iscrizione che invocava le preghiere dell’apostolo.

Poi il team, guidato dal sacerdote vaticanista e archeologo Antonio Ferrua, si trovò davanti alla svolta: un’altra tomba sotterranea, con immagini cristiane del Cristo risorto, del Buon Pastore e di Giona e la balena.

Incoraggiato dalla scoperta, il team proseguì, trovando un altare di epoca rinascimentale e altri due risalenti al periodo delle Crociate. Si ritrovò poi di fronte a due muri – il Muro Rosso, dell’epoca di Marco Aurelio (160), e un altro, noto come Muro dei Graffiti, risalente al 250. Il secondo si sarebbe in seguito dimostrato fondamentale per la ricerca, ma per il momento gli scavi andarono avanti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni