Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconCultura
line break icon

Trovare la carità nell’arte: la sfida del Festival vincenziano

Rocco Manuel Spezio / Aleteia

Painting from Adamson University ad Finding Vince 400 Festival

Lucandrea Massaro - pubblicato il 19/10/18

Secondo giorno della kermesse "Finding Vince 400"

Secondo giorno di proiezioni e dibattito al “Finding Vince 400” a Castel Gandolfo, molti i corti proiettati, sia animati che tradizionali, e soprattutto il bellissimo “Red de libertad” del giovane regista spagnolo Pablo Moreno con la bravissima e Assumpta Serna nel ruolo di Helena Studler, una suora delle Figlie della Carità che durante l’occupazione nazista della Francia, nella Seconda Guerra Mondiale, creò un network di che permise di salvare duemila persone dalla persecuzione. Una storia di libertà e solidarietà, una storia di carità dove al centro c’è la fede e il coraggio di una donna consacrata che si batte per chi non può farlo.




Leggi anche:
“Globalizzare la carità” con l’aiuto del cinema (FOTO)

La carità incontra il cinema

Tramite questa pellicola arte, carità e famiglia vincenziana – che organizza questo Festival – si possono riabbracciare e dare un segno di unità. Una domanda che abbiamo posto più volte durante la giornata: come può l’arte, il cinema in particolare, trasmettere e contagiare il prossimo con lo spirito di carità, con l’amore?

A risponderci tra i primi è Pablo Moreno «Il cinema è uno strumento fantastico per poter diffondere questi messaggi. Il cinema è la cosiddetta “settima arte”, quando arte e talento si incontrano, si rispettano e possono coinvolgere tantissime persone. Il cinema può raggiungere tante persone: la carità e l’umiltà sono difficili, non si vedono, l’unico modo che si ha per mostrarle è raccontare delle storie» spiega «la gente può empatizzare, lo spettatore può immedesimarsi e provare quel che il personaggio prova». Un attore, che deve sapersi immedesimare nell’altro da sé, è favorito nel comprendere le difficoltà delle persone che si trova di fronte? Risponde Assumpta Serna «un attore deve saper ascoltare, deve trovare ispirazione dalle persone che incontra» e prosegue «io credo nella gente, mio marito dice che sono un’atea cristiana (ride), credo che il mondo possa essere migliore e che noi possiamo lottare ed impegnarci per questo: dobbiamo essere onesti e specchiati, come è la stessa tradizione cristiana, nella quale sono cresciuta, ci insegna».

Giovani artisti al Festival

Dalle filippine, una delle classi di giovani promettenti artisti che ha accompagnato le proiezioni con i propri lavori di pittura. Giovanissimi tra i 15 e i 20 anni che si cimentano con le arti plastiche e hanno cercato di rendere ragione dei loro sentimenti, della loro fede, e delle loro speranze per il mondo.

«Tutti noi abbiamo il potere di influenzare il prossimo. L’importante è cosa abbiamo nel nostro cuore» ci dice Ludgard. Nella sua opera ha cercato di entrare in contatto con la povertà e i poveri chiedendosi: «chi sono e di cosa hanno bisogno, posso aprire le mie braccia e il mio cuore?» l’ispirazione le viene proprio da San Vincenzo de Paoli e dal suo carisma: aiutare i poveri, stare con loro, dare loro dignità «non solo denaro ma comprensione, rispetto ecco di cosa hanno bisogno i poveri». Richmond che si immagina un amore di Dio grande e profondo come solo il cielo e il mare possono essere, e una chiamata «l’ho lasciato incompleto – ammette – non so perché, forse perché tutto nella Creazione va completato da noi, e questa è la nostra vocazione, completare quello che è a metà». Sorrisi e risate, scherzi e molta allegria per questi ragazzi venuti da lontano per conoscere e far conoscere le proprie capacità, interrogarsi sulla carità e su come comunicarla con il proprio talento.

Tags:
caritacinemafamiglia vincenziana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni