Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La storia dell’incenso e perché si usa a Messa

INCENSE,MASS
Pascal Deloche | Godong
Condividi

Questo elemento aromatico della tradizione cattolica risale a millenni prima di Cristo

C’è qualcosa nell’odore dell’incenso bruciato che mi ispira a livello spirituale, ma quali sono le origini dell’uso dell’incenso, e perché lo impieghiamo?

L’uso dell’incenso nel culto religioso risale a più di 2.000 anni fa, ancor prima della nascita del cristianesimo.

Il suo utilizzo è documentato già in Cina prima del 2.000 a.C. Il commercio dell’incenso e delle spezie era un importante fattore economico nel rapporto tra Oriente e Occidente, quando le carovane attraversavano la via dell’incenso nel Medio Oriente dallo Yemen e attraverso l’Arabia Saudita. La rotta terminava in Israele, ed era da qui che l’incenso entrava nell’Impero romano.

Nel mondo occidentale, le religioni impiegano l’incenso da molto tempo nelle loro cerimonie. L’incenso appare anche nel Talmud e viene menzionato 170 volte nella Bibbia. Ad esempio, in Esodo 30,1 si legge: “Farai poi un altare sul quale bruciare l’incenso”.

L’uso dell’incenso nel culto ebraico è proseguito molto dopo l’inizio del cristianesimo, e ha influito in modo evidente nel suo uso da parte della Chiesa cattolica nelle celebrazioni liturgiche.

La Chiesa ritiene il fatto di bruciare l’incenso un’immagine delle preghiere dei fedeli che si elevano al Cielo. Questo simbolismo viene menzionato nel Salmo 141,2: “Come incenso salga a te la mia preghiera, le mie mani alzate come sacrificio della sera”.

Non esiste un registro che permetta di sapere quando è stato introdotto l’incenso nei servizi religiosi della Chiesa, e mancano prove che ne mostrino l’utilizzo nei primi quattro secoli della Chiesa, anche se si trovano dei riferimenti al suo impiego nel Nuovo Testamento. Luca, all’inizio del suo Vangelo, parla della nascita di Giovanni il Battista e scrive: “Tutta l’assemblea del popolo pregava fuori nell’ora dell’incenso. Allora gli apparve un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso. Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore” (Lc 1, 10-12).

L’incenso è un sacramentale, utilizzato per santificare, benedire e venerare. Il fumo dell’incenso è simbolo del mistero di Dio stesso.

Man mano che si eleva, l’immagine e l’odore esprimono la dolcezza della presenza di Nostro Signore e rafforzano il modo in cui la Messa è legata al Cielo e alla Terra.

Il fumo simboleggia anche la fede intensa che dovrebbe riempirci, e la sua fragranza evoca la virtù cristiana.

Quando qualcosa viene incensato, il turiferario oscilla tre volte il turibolo, a rappresentare le tre Persone della Santissima Trinità.

L’Ordinamento Generale del Messale Romano (OGMR) permette l’uso dell’incenso in vari momenti durante la Messa. Si può infatti impiegare:

  • durante la processione d’ingresso,
  • all’inizio della Messa, per incensare l’altare,
  • prima della proclamazione del Vangelo,
  • al momento della presentazione delle offerte, quando sono sull’altare, per incensare i doni, la croce, l’altare, il sacerdote e infine il popolo.

L’incenso viene anche impiegato nei funerali, sia in chiesa che al cimitero. Viene usato il Giovedì Santo quando è esposto il Santissimo, mentre durante la Veglia pasquale si collocano cinque grani di incenso nel Cero pasquale.

Per concludere, vediamo cosa dice al riguardo il libro dell’Apocalisse (8, 3-4): “Poi venne un altro angelo e si fermò all’altare, reggendo un incensiere d’oro. Gli furono dati molti profumi perché li offrisse insieme con le preghiere di tutti i santi bruciandoli sull’altare d’oro, posto davanti al trono. E dalla mano dell’angelo il fumo degli aromi salì davanti a Dio, insieme con le preghiere dei santi”.

L’uso dell’incenso ha quindi radici profonde nella nostra tradizione cattolica.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.