Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconChiesa
line break icon

La toccante lettera del vescovo che lascia tutto per diventare monaco trappista

LORENZO VOLTOLINI

Facebook Lorenzo Voltolini

Pablo Cesio - pubblicato il 19/09/18

“Presentando la mia rinuncia, ho riferito al Santo Padre anche questo fatto ed egli mi ha concesso questa grazia. Per questo, a novembre entrerò in monastero per diventare monaco di Santa María del Paraíso”, ha indicato Voltolini, annunciando al contempo di essere stato accettato come monaco della comunità.

“La vita missionaria e quella di vescovo mi hanno fatto capire che senza la preghiera e una profonda vita interiore la Chiesa non progredisce e non sopravvive. Ora sarò a disposizione di tutti, più di quando ero parroco o vescovo, perché nella vita contemplativa potrò arrivare a tutti nel Signore con un ausilio che ridarà a voi freschezza nella fede e preparerà me all’incontro con Dio per sempre”, aggiunge in un altro passo della sua lettera.

“Ringrazio e ricordo tutti. Non fuggo dal mondo, ma vi entro in una dimension diversa, la dimensione contemplativa”, conclude il presule, che con il suo gesto non vuole fuggire, ma servire appunto tutti in un modo diverso.

Ecco il testo completo della lettera:

Portoviejo, 14 settembre 2018

11° anniversario come arcivescovo di Portoviejo

Preferisco il Paradiso!!!

Cari amici,

il Santo Padre ha accettato la mia rinuncia come arcivescovo di Portoviejo, che gli avevo presentato nel mese di luglio.

Ho “solo” 70 anni, 11 dei quali vissuti a Poncarale, 15 in seminario, 5 a Passirano come vicario parrocchiale, 14 a Latacunga come parroco e circa 25 a Portoviejo. 44 anni di sacerdozio, dei quali circa 25 come vescovo.

Mi sento piuttosto stanco a livello spirituale, e penso che molti l’abbiano notato, soprattutto dopo il terremoto del 2016, che ha sconvolto il ritmo della mia vita e di quella di tutta l’arcidiocesi di Portoviejo.

Penso che sia saggio lasciare il posto a un’altra persona più giovane e in grado di di gestire una Chiesa locale che attraversa una crisi positiva di crescita.

Dal 2007 ho frequentato regolarmente ogni anno il monastero trappista di Santa María del Paraíso a Salcedo, nella provincia di Cotopaxi, in Ecuador, vicino alla parrocchia che mi era stata affidata come parroco a Latacunga. Nel 2014 ho presentato al Superiore del monastero la richiesta formale per essere accettato, quando mi fosse stato concesso, nella comunità monastica, non come ospite, ma come membro monaco della comunità.

Presentando la mia rinuncia, ho riferito al Santo Padre anche questo fatto ed egli mi ha concesso questa grazia. Per questo, a novembre entrerò in monastero per diventare monaco di Santa María del Paraíso.

Spero di poter visitare l’Italia prima di entrare nel noviziato, dopo il postulantato, per congedarmi da tutti perché non so se, una volta diventato monaco (senza smettere di essere vescovo, ovviamente), potrò tornare in Italia.

Chiedo a tutti un ricordo speciale nelle loro preghiere. Per quanto mi riguarda, prometto che sarete sempre presenti nelle mie preghiere, che nel monastero occupano più di cinque ore al giorno. Vi porterò con me anche nel lavoro manuale e nelle attività monastiche.

Quando sono arrivato in Ecuador non pensavo assolutamente al monastero, perché non ci avevo mai vissuto. La vita missionaria e quella di vescovo mi hanno tuttavia fatto capire che senza la preghiera e una profonda vita interiore la Chiesa non progredisce e non sopravvive.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
ecuadormonacirinunciatrappistivescovo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni