Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando finisce un matrimonio

ROZWÓD
Shutterstock
Condividi

Il divorzio porta all’impoverimento delle persone

Il “buco nero” del divorzio

E’ quindi comprensibile che molte coppie in crisi cerchino soluzioni alternative e provino di fare a meno di avvocati e giudici, suggerisce il quotidiano. “Attualmente, sono molto numerosi i coniugi con problemi che si separano di fatto; ciascuno fa la sua vita, ma rimangono sposati”, spiega Carmen Marcos, avvocata ed esperta in diritto di famiglia.

Del resto, una volta concluso l’iter, i problemi non finiscono. La “grande battaglia” è il pagamento dell’assegno di mantenimento o di divorzio. “In molti casi il genitore non affidatario si disinteressa totalmente e paga il meno possibile”, dichiara sempre la Marcos, che aggiunge: “Qui la lotta è fino alla morte”.

El País, che non esita a definire il divorzio “un buco nero, che attrae e distrugge il patrimonio” delle persone coinvolte, ricorda a questo punto anche il ricercatore Jay Zagorsky, della Ohio State University (OSU), negli USA. Per l’autore di Marriage and Divorce’s Impact on Wealth (2005), il divorzio riduce di oltre tre quarti, ossia del 77%, la ricchezza di una persona.

Il 13° rapporto sulla povertà e l’esclusione sociale in Italia

Che il divorzio apra la porta al disagio economico e all’impoverimento lo dimostra il 13° rapporto sulla povertà e l’esclusione sociale in Italia stilato dalla Caritas e diffuso nel 2014 sotto il titolo False partenze. Dai dati empirici raccolti attraverso 466 interviste a genitori separati che frequentavano ad esempio centri di ascolto o consultori familiari emerge innanzitutto ciò che l’organismo definisce nella sintesi del rapporto un “forte disagio occupazionale”. Infatti, quasi la metà degli intervistati, ossia il 46,1%, era in cerca di un impiego.

La fine di un matrimonio porta inoltre ad una “precarietà abitativa”. Cresce, così indica lo studio della Caritas, la proporzione delle persone che vivono da familiari o amici (dal 4,8% al 19,0%), che si rivolgono a dormitori o strutture simili (dall’1,5% al 18,3%) o sono costrette a vivere in alloggi di fortuna – ad esempio la macchina (dallo 0,7% all’5,2%).

Mentre due terzi degli intervistati (cioè il 66,1%) hanno dichiarato di non essere stati più in grado di comprare i beni di prima necessità dopo la separazione, quasi la metà (il 49,3%) ha dovuto rivolgersi a centri di distribuzione di beni primari e più di un quarto a mense (il 28,8). E come se non bastasse, due terzi (il 66,7%) degli intervistati ha accusato anche un aumento dei disturbi psicosomatici.

“Il divorzio è un lusso”

A confermare il panorama piuttosto cupo disegnato dal rapporto della Caritas è una serie di tre articoli dedicata da Il Fatto Quotidiano all’impatto del divorzio sui vari componenti della famiglia e firmata da Elisa Murgese.

“L’immagine dell’ex moglie arpia e arricchita è un falso luogo comune. La verità è che il divorzio è un lusso in Italia e non si può pensare che qualcuno ne esca arricchito”, così dichiara la presidente dell’associazione Mamme Papà separati, Eugenia Maifredi, nel primo articolo della serie, dedicata alle conseguenze del divorzio per le madri.

Infatti per quanto riguarda le donne, se hanno un lavoro guadagnano di norma comunque meno degli uomini e dipendono inoltre dal pagamento dell’assegno di mantenimento, che spesso non arriva. Come spiega Bruno Aiazzi, co-fondatore del gruppo di mutuo aiuto OneParent, “almeno il 50% delle nostre assistite non ricevono l’assegno di mantenimento dagli ex mariti”.

Ma non è che gli ex mariti nuotino nei soldi. Spesso finiscono infatti in una situazione di grave disagio economico, “fatta di perdita di lavoro, isolamento e panico”, scrive la Murgese nel suo secondo articolo. Al salvarli da ciò che Tiziana Franchi, presidente di Associazione padri separati, definisce un “turbine di impoverimento totale” è poi spesso “chiedere aiuto a mamma e papà se non addirittura tornare a vivere nella stanza dove si è cresciuti da ragazzi”.

Tra il mutuo che resta ancora da pagare sulla casa dove i figli rimangono a vivere con la madre, poi l’assegno di mantenimento e infine l’affitto di una nuova casa, “le spese per l’uomo diventano insostenibili”, sottolinea la Franchi, anche per il fatto che “gli assegni di mantenimento non si possono scaricare dalla dichiarazione dei redditi e la nuova abitazione del divorziato ha utenze maggiorate perché è spesso registrata come seconda casa”.

A peggiorare la situazione è anche la mancanza di collaborazione tra ex coniugi, che spesso si parlano solo “via mail o tramite avvocato”, spiega a sua volta la psicologa clinica e giuridica di Padri Separati, Chiara Soverini, un manco che del resto rischia anche di pesare gravemente sullo sviluppo e sul futuro della prole.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.