Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconSpiritualità
line break icon

Quando Dio tace chi ci è accanto lo implora per noi

Photo by Ben White on Unsplash

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 08/08/18

"Mi sconvolge sapere che ci sono delle volte in cui Dio volutamente tace. Perché lo fa? (...) Credo che in cielo capiremo tante cose che qui ci risultano difficili. Capiremo il perché del male, del dolore innocente, del silenzio di Dio"

In quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne.
Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quelle regioni, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide. Mia figlia è crudelmente tormentata da un demonio».
Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i discepoli gli si accostarono implorando: «Esaudiscila, vedi come ci grida dietro».
Ma egli rispose: «Non sono stato inviato che alle pecore perdute della casa di Israele».
Ma quella venne e si prostrò dinanzi a lui dicendo: «Signore, aiutami!».
Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli per gettarlo ai cagnolini».
«E’ vero, Signore, disse la donna, ma anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita. (Matteo 15,21-28)

“Ed ecco, una donna cananea, che veniva da quella regione, si mise a gridare: “Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio”. Ma egli non le rivolse neppure una parola”. Esiste il silenzio di Dio. Ascolto tanta gente che me ne parla. Delle volte anche io mi sento come questa donna: disperato e ripagato solo da un lungo e freddo silenzio del cielo. Mi sconvolge sapere che ci sono delle volte in cui Dio volutamente tace. Perché lo fa? Non so rispondere a questa domanda. Penso solo a quello che prova un bambino quando nel tentativo di imparare a camminare cerca l’aiuto della mamma, e invece la mamma non lo aiuta. Credo che si viva quell’indifferenza come un dolore, ma da grande capirà che è stato un gesto d’amore. Grazie a quell’apparente indifferenza lui ha imparato a camminare. Credo che in cielo capiremo tante cose che qui ci risultano difficili. Capiremo il perché del male, del dolore innocente, del silenzio di Dio. Capiremo il vero volto della Croce sopra cui Gesù stesso si è disteso. Ma se è vero che il cielo tace, è vero pure che c’è un effetto immediato, cioè la mobilitazione di chi ci è accanto: “Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: “Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!””. Dio ha i suoi motivi perché delle volte sembra assente, e forse uno di questi motivi è perché vuole che ci diamo una mossa noi. Quando il cielo tace, allora è lì che dobbiamo ricordarci che siamo noi la concretezza del cielo per tante persone che c’abbiamo accanto. I nostri gesti, le nostre parole, ma soprattutto la nostra presenza è ciò che il Signore usa per stare accanto a molti. Sembra non rispondere, ma poi basta guardarsi accanto e accorgersi che non c’è giorno in cui non c’abbia dato un pezzettino di qualcuno per andare avanti. Allora quel sorriso, quella telefonata, quel messaggio, quella visita che è in nostro potere di fare, facciamola, non perché possiamo salvare la vita a qualcuno ma possiamo essere segno di Qualcuno. (Mt 15,21-28)

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni