Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconNews
line break icon

Un padre violento e i servizi sociali. La difficile vita della bambina abusata dal prete

PRZEŚLADOWANA DZIEWCZYNKA

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 27/07/18

«Mio padre ha portato via la bambina. Io sono rimasto con il prete ad aspettare l’arrivo dei carabinieri», ha detto il giovane. Le urla, poi, hanno richiamato in strada tante persone. «Lui è rimasto fermo, impassibile e si è preso tutta la colpa e tutte le offese, dovute, dai presenti». I carabinieri hanno evitato il linciaggio.




Leggi anche:
Abusi sessuali e insabbiamenti: le regole del Papa per non ripetere i vecchi errori

“Relazione affettiva”

Nell’interrogatorio con il magistrato, il prete ha poi ammesso candidamente che quella non era la prima volta. Che tra lui e quella bimba c’è una «relazione affettiva» e che l’iniziativa non l’aveva presa lui. Ha assicurato anche che non ci sono mai stati rapporti completi, ma questo lo accerterà l’indagine. Così come dovrà essere stabilito se quella minore sia stata l’unica oggetto di queste morbose attenzioni.

La sospensione della diocesi

La diocesi, intanto, ha sospeso il prete. «Alla Diocesi di Firenze non erano mai arrivate informazioni o segnali che potessero lasciare intuire condotte deplorevoli né tanto meno comportamenti penalmente rilevanti; altrimenti la diocesi avrebbe immediatamente agito» dice, in una nota, l’arcivescovo Giuseppe Betori, esprimendo vicinanza alla bambina e alla sua famiglia.

cardinal Giuseppe Betori
GABRIEL BOUYS / AFP

«I fatti, così come contestati, già di per sé gravissimi, qualora fossero confermati dalle indagini per le quali ci si affida agli inquirenti, sono resi ancora più intollerabili e sconvolgenti in quanto attribuiti ad un sacerdote e sono causa di profondo dolore per le vittime e ferita aperta per l’intera comunità. Nel deprecare ripugnanti comportamenti, la diocesi ribadisce il dovere della ricerca della verità, la certezza che il Signore non abbandona la sua Chiesa».




Leggi anche:
Una strategia semplice e intelligente per proteggere i bambini dagli abusi sessuali

Affidati ai servizi sociali

Intanto dall’inchiesta emerge uno scenario tutt’altro che rassicurante. La famiglia della bambina era seguita fin dal 2008 dai servizi sociali di Calenzano che con cadenza quasi mensile scrivevano al tribunale per i minori per raccontare delle difficili condizioni in cui versava la famiglia. Nel 2013 un decreto del tribunale per i minori mette nero su bianco l’incapacità genitoriale della coppia e così i bambini vengono mandati in una struttura. 

Padre violento e aggressivo

Contro quella decisione del tribunale per i minori la famiglia presenterà ricorso. E nel procedimento verrà allegata anche una lettera in cui don Paolo assicura il suo sostegno a quella famiglia di cui era diventato “amico”. Nel maggio 2016 la Corte d’Appello decide il rientro dei bambini in famiglia, confermando l’affidamento ai servizi sociali. Dopo diverse segnalazioni degli assistenti sociali la Procura per i minori di Firenze lo scorso gennaio chiede un nuovo allontanamento per i bambini.


ARCHBISHOP PHILIP WILSON

Leggi anche:
Un anno di carcere al vescovo che ha insabbiato gli abusi sessuali di un suo prete

Nelle relazioni degli assistenti sociali si spiega che il padre è scarsamente collaborativo, che ha comportamenti incongrui, che è aggressivo, bugiardo e che la madre non è in grado di tutelare i figli. Nell’aprile scorso il tribunale per i minori fa un’ordinanza provvisoria dando mandato di approfondimento ai servizi sociali (Corriere fiorentino, 27 luglio).

La bambina non ha responsabilità

Commenta don Fortunato Di Noto, sacerdote siciliano e fondatore della Meter onlus (www.associazionemeter.org) da 25 anni contro la pedofilia, la pedopornografia e l’abuso sui minori:

«E’ triste, talmente triste che spesso non si trovano le parole quando si è a commentare un abuso su un bambino a maggior ragione se compiuto da un sacerdote e se c’è poi (così emerge dalle dichiarazioni – che spero vengano smentite, che non attenuano le responsabilità e la gravità della violenza, che sia stata ‘la bambina che ha preso l’iniziativa’, veramente siamo alla pura schizofrenia e serio disordine. Non possiamo pensare che la responsabilità possa ricadere nella bambina, anche se vivesse in situazioni di disagio personale e sociale. Qualora fosse, la protezione deve essere al massimo livello, la tutela una priorità, l’accoglienza e la difesa al massimo livello sia sociale, che religioso».
  • 1
  • 2
Tags:
abuso sessualepedofilia nella chiesaprete
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
3
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni