Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 30 Gennaio |
Santa Giacinta Marescotti
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Un anno di carcere al vescovo che ha insabbiato gli abusi sessuali di un suo prete

ARCHBISHOP PHILIP WILSON

Lithuanians in South Australia | Facebook

ARCHBISHOP PHILIP WILSON-01

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/07/18

Accade nella Chiesa australiana. Il vescovo di Adelaide è il più alto prelato al mondo ad aver ricevuto una condanna di questo tipo

E’ stato condannato ad un anno di carcere Philip Wilson, il vescovo di Adelaide, in Australia, per aver coperto gli abusi sessuali di un sacerdote. Il magistrato di Newcastle Robert Stone ha ordinato che rimanga almeno 6 mesi in detenzione prima che possa ottenere la condizionale.

Wilson non andrà immediatamente in carcere. Il tribunale deciderà il prossimo 14 agosto se potrà ottenere i domiciliari. Potrebbe stare con la sorella a Newcastle (Il Messaggero, 3 luglio).

Intanto lo scorso 23 maggio aveva rassegnato le dimissioni dalla guida della sua diocesi.

ARCHBISHOP PHILIP WILSON
Lithuanians in South Australia | Facebook




Leggi anche:
Australia, il 7% dei preti accusati di abusi. Il vescovo di Sydney: “Profonda vergogna”

I crimini di Fletcher

E’ il più alto prelato cattolico al mondo ad aver ricevuto ad una simile condanna. I crimini di cui Monsignor Wilson era a conoscenza e che non avrebbe riportato alla polizia sarebbero avvenuti negli anni Settanta nella regione di Hinger da parte del sacerdote Jim Fletcher, abusatore seriale morto in prigione nel 2006 a 65 anni, un anno dopo la condanna per pedofilia per aver abusato di una 13enne tra il 1989 e il 1991.

Fletcher avrebbe anche violentato 4 chierichetti (La Repubblica, 3 luglio).


ARCHBISHOP PHILIP WILSON

Leggi anche:
Preti pedofili: vescovo australiano colpevole di insabbiamento. In Cile i presuli si scusano

In attesa di Pell

Una nuova burrasca si abbatte sulla Chiesa australiana, che è in attesa di conoscere il verdetto del processo contro il cardinale George Pell, già ai vertici del Vaticano, da prefetto della segreteria per l’Economia e membro del C9, il Consiglio ristretto dei cardinali che sta riformando la Curia.

Anche Pell è stato accusato di aver coperto abusi di sacerdoti.




Leggi anche:
Pedofilia, inchiesta australiana: “Pell sapeva degli abusi”

“La pena porti un senso di pace”

I vescovi cattolici australiani riconoscono che «gli effetti di un abuso sessuale possono durare per tutta una vita», ma sperano che «la pena detentiva di oggi porti un senso di pace e di guarigione a coloro che sono stati abusati dal defunto sacerdote James Fletcher». Lo afferma in un comunicato diffuso oggi la Conferenza episcopale australiana in merito alla condanna di Wilson.

“Vergognosa storia di abusi e occultamenti”

«Ci vuole molto coraggio – scrivono i vescovi –perché i sopravvissuti si facciano avanti per raccontare le loro storie. I sopravvissuti sono stati di vitale importanza nell’aiutarci a imparare la lezione della nostra vergognosa storia di abusi e occultamenti, che è stata messa in luce dalla Commissione reale d’inchiesta sulle risposte delle istituzioni agli abusi sessuali su minori e dalle indagini statali, inclusa l’indagine di Cunneen».




Leggi anche:
Australia, in cattedrale il memoriale per le vittime degli abusi

Il nuovo corso della Chiesa

Catholic Bishops Release Audit Report On Abuse Policies
MARK WILSON / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP
Kathleen McChesney, head of the U.S. Catholic bishops' watchdog Office of Child and Youth Protection, and Bishop Wilton Gregory present an audit of 195 U.S. dioceses performed to assess compliance with the "Charter for the Protection of Children and Young People," adopted by the Catholic bishops at their meeting in Dallas in June 2002, during a news conference 06 January, 2004, in Washington, DC. Policies in the charter require that all abusive priests be removed, set new guidelines for handling allegations and mandate safe-environment programs to prevent abuse. (Mark Wilson/Getty Images/AFP) FOR NEWSPAPERS AND TV USE ONLY

In seguito a quei rapporti, la Chiesa australiana – fa sapere la Conferenza episcopale – «ha apportato sostanziali modifiche per garantire che l’abuso e l’insabbiamento non facciano più parte della vita cattolica e che i bambini siano al sicuro nelle nostre comunità. Continueremo a lavorare con tutti coloro che nella Chiesa e non solo stanno cercando di mettere in atto standard di salvaguardia forti e coerenti in tutta l’Australia, compreso il modo in cui rispondiamo alle accuse di abuso sessuale» (Agensir, 3 luglio).

Tags:
abusiaustraliapreti pedofilivescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni