Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Cosa posso fare per Dio?

HOPE

Photo by Lina Trochez on Unsplash

padre Carlos Padilla - pubblicato il 05/07/18

Non mi scoraggio vedendo il poco che faccio, il poco che sono. Non si tratta di fare tutto bene...

Voglio imparare a esaltare Dio: “Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato, non hai permesso ai miei nemici di gioire su di me”.

Dio mi ha liberato. Mi ha liberato dai miei nemici, dalle loro risate, dalla loro derisione.

Di cosa non vorrei che gli altri ridessero di me? Della mia immagine, la mia fama, la mia gloria… Cerco di essere applaudito, che non si rida delle mie debolezze e delle mie mancanze.

Gesù mi mostra il cammino che devo seguire: “Si è fatto povero per arricchirci con la sua povertà”.

Gesù si fa povero. Si spoglia del suo potere. Diventa uno tra i tanti, un uomo qualsiasi. E io non voglio essere un uomo qualunque. Non mi conformo a una vita in cui posso passare inosservato.

Voglio avere persone che mi seguono. Mi piace il riconoscimento sulle reti sociali. Mi piace piacere. Voglio cambiare il mondo ed essere ricordato per questo.

Guardo Dio nella mia vita. Voglio esaltare Lui e non essere esaltato. Confondo spesso i termini. Cerco il primo posto, di essere riconosciuto.

Ciò che conta non è quello che ricevo in cambio della mia dedizione. L’importante è quello che do.

Una preghiera di padre Kentenich dice così: “Gesù, che ha dato tutto per noi, non si accontenta di ricevere la metà della vostra vita. Vuole anima e cuore. Non gli basta la luce pallida di una dedizione mediocre”.

Non voglio che la mia dedizione sia mediocre. Voglio essere più generoso con quello che ho ricevuto gratis. Do tutto gratis. Tutto quello che ho dentro. Tutto ciò che sono.

Ma sempre con umiltà. Senza cercare il riconoscimento. Con la semplicità di chi fa le cose per amore. Senza aspettarsi applausi e ammirazione.

Voglio una santità domestica. Una santità che è opera di Dio in me. Io do tutto, offro tutto, confido sempre, e Dio fa il resto.

Commenta Papa Francesco: “Lascia che la grazia del tuo Battesimo fruttifichi in un cammino di santità. Lascia che tutto sia aperto a Dio e a tal fine scegli Lui, scegli Dio sempre di nuovo. Non ti scoraggiare, perché hai la forza dello Spirito Santo affinché sia possibile, e la santità, in fondo, è il frutto dello Spirito Santo nella tua vita (cfr Gal 5,22-23). Quando senti la tentazione di invischiarti nella tua debolezza, alza gli occhi al Crocifisso e digli: ‘Signore, io sono un poveretto, ma tu puoi compiere il miracolo di rendermi un poco migliore’” [1].

Non mi scoraggio vedendo il poco che faccio, il poco che sono. Santo non è chi fa tutto bene, ma colui che fa ciò che Dio gli chiede. Commette errori, ma non si scoraggia.

Non voglio che la mia vita sia esemplare in tutto. Voglio semplicemente che Dio compia miracoli con me. Miracoli di misericordia. Non per brillare io, ma perché Dio brilli in quanti lo amano. Voglio che sia Lui ad essere esaltato, non io.

È lo sguardo che desidero. Uno sguardo da piccoli. Di coloro che si sono svuotati di tutto. Mi piace questo atteggiamento davanti alla vita. Desidero crescere in umiltà perché Dio sia esaltato.

[1] Papa Francesco, Esortazione Gaudete et Exsultate.

Tags:
dioumiltà
Top 10
See More