Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bruce Springsteen: “Sono cresciuto letteralmente circondato da Dio”

BRUCE SPRINGSTEEN
Condividi

La leggendaria rockstar ha vinto uno Special Tony Award per il suo show a Broadway

https://youtu.be/8x6i4xeNvG0

Bruce Springsteen ha presentato un’esibizione tratta dal suo show di Broadway Springsteen on Broadway ai 2018 Tony Awards il 10 giugno. La rockstar si è seduta al piano e ha ricordato la comunità cattolica in cui è cresciuto prima di scivolare nel suo classico My Hometown.

Springsteen ha suonato il piano mentre chiacchierava con il pubblico, ricordando com’è stato crescere in una comunità cattolica devota:

Sono cresciuto a Randolph Street con mia sorella Virginia, di un anno più giovane di me, i miei genitori Adele e Douglas, i miei nonni, Fred ed Alice, e il mio cane Sal. Vivevamo a pochi passi dalla chiesa cattolica, dalla rettoria del sacerdote, dal convento di suore e dalla scuola elementare Santa Rosa da Lima. Tutto a pochi passi, oltre un prato di erba incolta. Sono cresciuto letteramente circondato da Dio. Da Dio e da tutti i miei parenti.

Avevamo cugini, zie, zii, nonne, nonni, bisnonne, bisnonni, tutti in cinque case in due vie adiacenti. Quando le campane della chiesa suonavano, tutto il clan si riversava in strada per guardare ogni matrimonio e ogni funerale come un evento di Stato nel quartiere.

Il cantante ha proseguito ricordando gli aspetti della vita nella Freehold (New Jersey) di metà del XX secolo, prima di accennare il primo verso di My Hometown.

Il brano è uno di quelli che figurano nello show che sta portando attualmente a Broadway, Springsteen on Broadway. Springsteen ha iniziato la sua avventura a Broadway nell’ottobre 2017, ma i biglietti sono andati a ruba così rapidamente che l’ha rinnovata due volte, e ora si prevede che arrivi fino alla metà di dicembre 2018.

Lo show, in cui c’è un assolo di Springsteen alla chitarra e al piano, è principalmente una raccolta di aneddoti dalla sua autobiografia del 2016, Born to Run. Bruce si destreggia tra piano e chitarra mentre racconta storie della sua strepitosa carriera ed esperienze della vita fuori dal palco.

Volevo realizzare uno show il più intimo e personale possibile. Ho scelto Broadway per questo progetto perché ha degli splendidi vecchi teatri che sembravano la location giusta per quello che ho in mente. Con una o due eccezioni, infatti, il Walter Kerr Theatre, con i suoi 960 posti, è probabilmente il luogo più piccolo in cui ho suonato negli ultimi 40 anni. Il mio show è fatto solo di me, della chitarra, del piano, delle parole e della musica. Parte dello show è parlata, parte è cantata. Segue vagamente l’arco della mia vita e del mio lavoro. Il tutto per realizzare il mio obiettivo costante di offrire una serata piacevole e comunicare qualcosa di prezioso.

Springsteen on Broadway ha ricevuto uno Special Tony Award, che riconosce il successo dello show e quello della carriera del cantante, soprannominato The Boss. Insieme al suo Oscar per la canzone Streets of Philadelphia e la ventina di Grammy Awards, questo Tony avvicina Springsteen a diventare la 19ma celebrità a vincere l’EGOT (Emmy, Grammy, Oscar e Tony).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.