Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconFor Her
line break icon

Gli adolescenti obesi hanno batteri diversi dagli adulti

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 12/06/18

Lo studio del Bambino Gesù pubblicato su Frontiers in Microbiology ha identificato nuovi marcatori batterici che aprono la strada all’uso di probiotici mirati

Negli adolescenti obesi il microbiota ha caratteristiche uniche in termini di composizione microbica e metabolismo. Lo rivela lo studio italiano dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù pubblicato sulla rivista Frontiers in Microbiologydel gruppo Nature. L’individuazione di nuovi marcatori batterici dell’obesità apre la strada a terapie con probiotici specifici, scelti su misura per la patologia e anche per l’età dei pazienti.

I batteri presenti nell’intestino costituiscono il microbiota intestinale cioè un ecosistema complesso le cui funzioni sono importanti per la salute dell’uomo. Tra le funzioni fondamentali svolte dai batteri intestinali ci sono: la regolazione del sistema immunitario nell’intestino, la trasformazione di molecole che derivano dal cibo per produrre energia, la produzione di vitamine essenziali per l’uomo e la formazione di una barriera nei confronti di altri batteri potenzialmente “cattivi”.

L’obesità è un problema di salute in tutto il mondo. L’organizzazione mondiale della salute riporta che nel 2016 oltre 1,9 miliardi di adulti erano sovrappeso. Di questi oltre 650 milioni erano obesi, mentre oltre 340 milioni di bambini e adolescenti di età compresa tra 5 e 19 anni erano in sovrappeso o obesi.




Leggi anche:
Obesità in età pediatrica: un problema serio che si può risolvere

La ricerca ha analizzato e descritto la relazione tra l’obesità adolescenziale, quella dell’adulto e il microbiota intestinale. In particolare, la composizione del microbiota nei pazienti adolescenti risulta differente da quella dei pazienti adulti. Negli adolescenti è infatti possibile osservare una variabilità microbica che negli adulti obesi viene persa, rendendo meno efficaci gli interventi terapeutici.

Non solo. Sono state riscontare differenze significative anche tra gli adolescenti obesi e i coetanei normopeso. Nei primi è stato infatti evidenziato uno spiccato aumento della presenza di alcuni microbi marcatori (Faecalibacterium prausnitzii e Actinomyces), mentre ne mancano quasi totalmente altri (Parabacteroides, Rikenellaceae, Bacteroides caccae, Barnesiellaceae e Oscillospira) che caratterizzano il microbiota degli adolescenti normopeso. Oltre alla differente composizione microbica, sono state scoperte anche differenti funzioni metaboliche.

Negli adolescenti obesi sono infatti aumentati i metaboliti coinvolti nella biosintesi degli acidi biliari primari e degli steroidi, nel metabolismo di alcuni zuccheri e nella gluconeogenesi (la sintesi biochimica di glucosio a partire da sostanze non zuccherine).

«L’assegnazione di nuovi marcatori batterici dell’obesità nel paziente adolescente può aprire nuove strade per il ripristino delle condizioni di equilibrio compromesse dall’obesità – spiega la dottoressa Lorenza Putignani, responsabile di Parassitologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – Questo può essere realizzato attraverso un’alimentazione funzionale e una terapia microbica che faccia uso di probiotici specifici scelti su misura per la patologia e per l’età del paziente».

Tags:
adolescentiobesitàsalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni